Cos’è lo spionaggio contro la Merkel?

Nel fine settimana il sito dell’emittente pubblica danese RD, in collaborazione con altre testate europee come il Giornale della Germania meridionale e il Mondo, pubblicato indagine che rivela che i servizi segreti danesi avrebbero aiutato gli Stati Uniti a supervisionare le comunicazioni di molti leader europei di Germania, Francia, Norvegia e Svezia: tra questi, il più importante e il più noto è il cancelliere tedesco Angela Merkel.

Lo spionaggio sarebbe stato effettuato dalla NSA, l’agenzia di sicurezza nazionale statunitense, tra il 2012 e il 2014, e i fatti sono già noti da anni: far sapere prima che gli Stati Uniti spiavano i governi alleati, e che ‘Loro stavano persino monitorando le comunicazioni dal cellulare di Angela Merkel, era Edward Snowden, l’ex consulente della NSA le cui rivelazioni hanno scatenato uno dei più grandi scandali di spionaggio nella storia americana.

– Leggi anche: Il cellulare della NSA e Angela Merkel

La novità del RD è la collaborazione e il supporto che il servizio di intelligence della difesa danese (FE) avrebbe offerto alla NSA per spiare i paesi vicini. Secondo quanto riferito, questo rapporto di collaborazione è stato descritto da un rapporto (il Rapporto Dunhammer) commissionato nel 2014 dalla dirigenza della FE per indagare sulla possibilità che la NSA abbia abusato della collaborazione, completata l’anno successivo e tenuta segreta fino ad ora. . RD ha parlato con nove fonti anonime coinvolte nella stesura del rapporto, che ne descrivono le parti principali.

Secondo il sondaggio di RD, la Danimarca sarebbe stata scelta dalla NSA perché, a causa della sua posizione geografica, è un importante hub per i cavi sottomarini che trasportano i dati di connessione a Internet in tutto il nord Europa. I cavi Internet da Regno Unito, Paesi Bassi, Norvegia, Svezia e Germania, tra gli altri, passano attraverso la Danimarca.

READ  La metà degli insegnanti andrà in pensione entro i prossimi 15 anni. Solo il 6,4% ha meno di 35 anni. Il rapporto Eurydice

La NSA e la FE avrebbero intercettato il contenuto di questi cavi, copiato una grande quantità di dati e analizzato il contenuto in una struttura (Banca dati) costruita appositamente fuori Copenaghen, la capitale. Per l’analisi sarebbe stato utilizzato un sistema informatico chiamato XKeyscore, i cui mezzi sono stati rivelati per la prima volta da Snowden. XKeyscore analizzerà dati e metadati delle connessioni Internet ed estrae contenuti specifici. Grazie a questo metodo, la Nsa avrebbe ottenuto con la collaborazione della FE “tra l’altro, conversazioni telefoniche, messaggi chat e sms” da numerosi leader politici europei, ha scritto. RD.

Nell’inchiesta vengono citati solo i nomi di tre politici tedeschi intercettati: oltre ad Angela Merkel, l’ex ministro degli Esteri Frank-Walter Steinmeier e l’ex leader dell’opposizione Peer Steinbrück. RD sostiene inoltre che importanti politici francesi, norvegesi e svedesi furono spiati con l’aiuto della Danimarca.

– Leggi anche: La condanna della Corte europea dei diritti dell’uomo per intercettazioni massicce

Dopo la pubblicazione dell’inchiesta, i politici europei, in particolare quelli dei Paesi interessati, hanno condannato lo spionaggio: il presidente francese Emmanuel Macron, durante una conferenza stampa congiunta con la Merkel, Egli ha detto che queste pratiche “non sono accettabili tra gli alleati”, mentre Merkel è stata particolarmente critica nei confronti della Danimarca.

Lo spionaggio statunitense era noto da anni, e nuove rivelazioni non dovrebbero mettere in difficoltà i rapporti con l’Europa: anche se all’epoca lo scandalo aveva messo in grave crisi le relazioni diplomatiche, la maggior parte dei problemi ora è risolta. Il presidente degli Stati Uniti Joe Biden si recherà in Europa a metà giugno per un incontro del G7 nel Regno Unito, un vertice della NATO a Bruxelles e un vertice USA-UE.

READ  Coronavirus, epidemia su un volo dalla Grecia

La vera novità dell’inchiesta DR è il coinvolgimento dei servizi segreti danesi, ed è sulla Danimarca che in questi giorni si stanno concentrando le critiche. Spiare uno stato sovrano piuttosto che un altro non è considerato illegale, ma l’attività della Danimarca è stata oggetto di critiche politiche molto severe, soprattutto da quando lo spionaggio ha avuto luogo contro altri Stati membri dell’UE. In risposta, Trine Bramsen, il ministro della Difesa danese, entrato in carica dopo la fine delle attività di intercettazione, ha dichiarato: RD che “lo spionaggio sistematico di stretti alleati è inaccettabile”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *