Covid, buffer per tutti sui voli Roma-Milano. ecco il piano

“Un biglietto aereo, a bufferTrova concreta applicazione lo slogan coniato dal direttore dello Spallanzani, Francesco Vaia. All’aeroporto di Fiumicino, nei prossimi giorni inizierà un esperimento su cui sarà focalizzata l’attenzione del mondo. Non è un’esagerazione, perché il futuro degli aeroporti e delle compagnie aeree dipenderà da questa formula fino a quando non avremo un vaccino. Ai passeggeri del volo RomaMilano Alitalia prenderà il campione veloce, quello che in 15 minuti indica se siamo positivi. Ciò ridurrà notevolmente le possibilità che i passeggeri infetti salgano a bordo. “Crediamo fortemente in questo progetto, afferma Alessio D’Amato, Advisor Salute Lazio, e siamo pronti a partire. Abbiamo già ottenuto ottimi risultati con il sistema di buffer di arrivo per i voli dai paesi ritenuti a rischio, Malta, Spagna, Croazia e Grecia. Adesso vogliamo andare oltre ”.

LEGGI ANCHE -> Coronavirus in Europa: caso in calo in Francia, 3.800 positivi in ​​Spagna in un giorno

Il piano è ambizioso e quasi rivoluzionario, perché se si dimostra che l’applicazione pratica funziona RomaMilano, sarà possibile andare oltre ed effettuare i controlli alle partenze su importanti rotte finora fortemente colpite dall’emergenza coronavirus: Roma-New York e Roma-Dubai. Aeroporti di Roma ha mostrato grande convinzione nell’importanza di portare i test ai terminal, tanto da aver già installato gli stand non solo a Leonardo Da Vinci, ma anche a Ciampino, che le hanno permesso di ricevere il premio di accreditamento sanitario rilasciato dall’International Airport Council (ACI). I controlli agli arrivi sono significativi, ma (relativamente) meno complicati: ieri anche la stampa internazionale (a cominciare da La Vanguardia, quotidiano catalano) ha parlato del sistema dei timbri all’aeroporto romano. L’unico limite, per motivi organizzativi, è che le squadre della Regione Lazio potrebbero garantire il tamponi fino alle 18, ma ora si proseguirà fino a tardi, poiché nel parcheggio per soste lunghe verrà installato un drive-in. “Crediamo fermamente in questi campioni rapidi, che sono stati validati dallo Spallanzani e che, ogni volta che li incrociamo con molecole molecolari, confermano la loro affidabilità – afferma D’Amato – motivo per cui abbiamo aderito alla gara che la Regione Il Veneto correva. e ne compriamo un milione. Li useremo anche nelle scuole ”.

READ  Donald Trump, dodici senatori repubblicani chiedono l'inversione del voto americano

Ma la tecnologia, sul fronte dei test che dovrebbe riportarci alla normalità per i mesi che ci separano dal vaccino, sta funzionando, e allo Spallanzani ora si sta testando un altro sistema, ancora più semplice e veloce, basato sulla raccolta. saliva, con una risposta immediata. In sintesi, se tutto va bene, il test sarà più o meno come il metal detector. “In Lazio siamo stati gli antesignani su questo punto, è bello vedere che ora il Ministero della Salute segue questa formula”, osserva D’Amato, che aveva giocato in anticipo con gli assorbenti interni al Leonardo Da Vinci. a chi tornava dal Bangladesh, dove c’era una forte circolazione del virus, portando di fatto per la prima volta i test all’interno di un aeroporto.
Il riferimento a Speranza è la conferma di ieri da parte del ministro del piano di stringere un accordo con Spagna, Francia e Germania per eseguire i test del coronavirus sia sugli arrivi che sulle partenze dei voli tra i quattro Paesi. . In questo modo si evitano le chiusure delle frontiere e anche le incomprensioni, perché ad esempio l’Italia oggi spazza via tutti quelli che arrivano dalla Spagna. Speranza ha dichiarato in un’intervista all’Huffington Post: “Tamponi all’arrivo, nessun accesso e transito, requisito di quarantena. Quando fai un passo del genere, il paese interessato lo sta attualmente vivendo in modo ostile. Dico: visto che dobbiamo convivere con il virus per diversi mesi, lavoriamo sulla reciprocità delle misure e diamo il buon esempio tra i grandi paesi europei. Mettiamoci alla prova dagli aeroporti. Vale a dire: se qualcuno dall’Italia va a Madrid o Parigi, viene testato all’arrivo e quello che viene dalla Spagna o dalla Francia arriva in Italia. È chiaro che la misura deve essere attuata per tutti i cittadini, qualunque sia la loro nazionalità ”.

READ  Coronavirus, i contagi in Europa superano i 5 milioni. In Spagna, più di 11mila casi al giorno, 13mila in Francia

Ultimo aggiornamento: 05:44


© RIPRODUZIONE RISERVATA

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *