Stati Uniti, morto Alcala, il serial killer del “gioco degli appuntamenti” – Corriere.it

di Scrittura straniera

Aveva 77 anni e si dice che abbia ucciso almeno 130 persone in tutto il paese. Morte a San Quintino per cause naturali intanto. Era destinato al patibolo dopo la condanna a morte

Uno dei serial killer più feroci della storia americana, Rodney James Alcala, è morto per cause naturali mentre… stava aspettando di essere giustiziato nel penitenziario di San Quentin, a nord di San Francisco. Alcala, noto come “Dating Game Killer” per aver ucciso i ragazzi e le ragazze con cui usciva, aveva 77 anni e si dice che negli anni ’70 abbia ucciso almeno 130 persone negli Stati Uniti.

Sebbene la condanna a morte del 2010 si riferisca solo a cinque omicidi in California tra il 1977 e il 1979, compreso quello di una ragazzina di 12 anni. Nel 2013, è stato poi condannato a ulteriori 25 anni di carcere per aver ammesso di essere colpevole di due omicidi a New York City.. Alcala era malato da tempo e attualmente è ricoverato al San Joaquin Valley Hospital.

Come ha detto su messaggistica Guido Olimpio, Rodney Alcala ha commesso il suo primo omicidio nel 1979, dopo aver vinto il programma “Matching Game”. Quelli al suo fianco in televisione ricordano un ragazzo che “sembrava calmo ma poteva diventare arrogante e opprimente”. Naturalmente, i concorrenti dello show non avrebbero mai pensato che Rodney sarebbe diventato un serial killer, approfittando della sofferenza della sua preda.

Nel 1979, quando la polizia lo arrestò, trovò i suoi dischi in un garage di Seattle. Quasi mille foto di minorenni e donne. Più i “trofei” rubati ad alcune vittime. Nato in Texas nel 1943 e cresciuto con sua madre in California, Rodney non è mai stato normale. Arruolato nell’esercito, fu dimesso per disturbo mentale, poi frequentò l’UCLA, uscì con una laurea e l’idea di “avere un QI superlativo”. Aveva certamente una mente criminale. Dicono che abbia studiato teatro sotto la direzione di Roman Polanski (ma il dettaglio è discutibile) e che fosse un fotografo, professione ideale per la sua missione di morte. I registri della polizia su di lui registrano il primo caso grave nel 1968, quando Rodney violenta una bambina. Perseguito per legge, cambia nome e diventa insegnante in un centro d’arte riservato ai minori. Fu lì che un giovane poliziotto di Los Angeles lo avrebbe incontrato 3 anni dopo. L’arresto e due condanne per lui sono l’inizio. Lpubblicato nel 1974, Alcala ritorna come predatore. La sua firma sono le torture e gli strumenti che usa per torturare. Distrugge un corpo e poi scatta delle foto. In alcuni casi, si tratta di rianimare la vittima per prolungare l’agonia. Chiunque abbia indagato su Rodney ha trovato le sue tracce da New York al Pacifico. L’oscuro vagare del fotografo della morte.

READ  Viaggi all'estero: nessuna tassa in Francia, Spagna e Germania se sei vaccinato

25 luglio 2021 (modificato il 25 luglio 2021 | 11:12)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *