Covid, oltre 88 milioni di persone infettate in tutto il mondo. Numero record di vittime in Germania, Stati Uniti e Brasile

La corsa al coronavirus non si ferma. I casi di Sars Cov 2 nel mondo hanno ormai superato la soglia degli 88 milioni, con un aumento di tre milioni di infezioni in soli quattro giorni. Secondo i dati trattati da Johns Hopkins University decessi causati da Covid 1.898.530 decessi. Germania, Stati Uniti e Brasile sono stati i paesi con i maggiori aumenti.

il Istituto Robert Koch segnala un nuovo record di vittime in Germania: nelle ultime 24 ore, secondo il bollettino quotidiano Covid, sono state denunciate 1188 morti (finora, il numero massimo era stato raggiunto il 30 dicembre, con 1.129 morti). Ci sono 31.849 nuove infezioni. Gli esperti ribadiscono che i dati potrebbero essere spiegati anche da un ritardo nella notifica dovuto alle ferie. Il 5 gennaio è stato decise di estensione di bloccaggio nella Repubblica federale.

L ‘Ungheria nel frattempo ha deciso di estendere il bloccaggio parziale, introdotto per frenare la diffusione del coronavirus, fino al 1 febbraio. Le misure – che includono il coprifuoco tra le 20:00 e le 5:00 divieto di raduni, l’uso obbligatorio di maschere in pubblico corso in linea per i licei e le università – sono stati introdotti nell’ambito dello stato di emergenza nazionale in vigore dall’11 novembre. “La task force operativa” creata dal governo “ha deciso di estendere le restrizioni attualmente in vigore fino al 1 ° febbraio”, ha detto il primo ministro Viktor Orban durante un’intervista con i media pubblici a Budapest. “Finché non ci saranno vaccini sufficienti, ci atterremo alle restrizioni che abbiamo”, ha aggiunto, aggiungendo che le scuole primarie e gli asili possono rimanere aperti.

READ  L'incredibile nel cielo di Los Angeles: due aerei "colpiscono" un ragazzo con il jetpack - La Stampa

Gli Stati Uniti hanno stabilito il record per 4000 morti in 24 ore e i nuovi casi di contagio sono stati 265.000. La California è stata tra gli stati più colpiti due giorni fa dai funzionari sanitari della contea di Los Angeles è stata varata una direttiva che afferma di non trasportare pazienti in ospedale con una possibilità di sopravvivenza troppo bassa.

il Brasile ha superato 200.000 morti il ​​giorno in cui ha registrato il maggior numero di vittime dall’inizio della pandemia: 1.841. Secondo le autorità sanitarie locali il numero delle vittime è di 200.498. La giornata segna anche il record di contagi: 94.517, portando il numero totale a 7.961.673. Il Paese sudamericano è il secondo per numero. di vittime, dietro agli Stati Uniti, e il terzo per numero di contagi dopo Stati Uniti e India.

Nel frattempo nel Regno Unito, sopraffatto dai contagi, tutti i passeggeri internazionali in arrivo in Inghilterra e Scozia, compresi i cittadini del Regno, dovrà presto sottoporsi a un test anti-Covid prima della partenza e presentare esito negativo per entrare nel Paese come annunciato dal ministro dei Trasporti Grant Shapps. Secondo la BBC, il test dovrà essere effettuato fino a 72 ore prima dell’imbarco. La nuova misura dovrebbe entrare in vigore all’inizio della prossima settimana in Inghilterra e “presto” in Scozia. Misure simili sono allo studio anche per il Galles e l’Irlanda del Nord.

READ  Libia, Di Maio torna a Tripoli: "Consolidare la tregua"

Nel frattempo, poiché la campagna di vaccinazione è iniziata in molti paesi del mondo subito dopo le vacanze di Natale, il piano di vaccinazione contro il coronavirus in Australia partirà a metà febbraio, con l’obiettivo di vaccinare circa 12,5 milioni di persone (metà della popolazione) entro giugno. Le vaccinazioni saranno gratuite e spetterà agli Stati e ai territori federati decidere se il vaccino debba essere obbligatorio per determinati gruppi di persone, come gli operatori sanitari. L ‘Australia spera di ottenere l’approvazione del vaccino Pfizer da parte dell’autorità nazionale (l’Amministrazione per i prodotti terapeutici) entro la fine di gennaio. Anche il vaccino dovrebbe essere approvato il mese prossimo Oxford-AstraZeneca, il cui colosso farmaceutico australiano CSL (Commonwealth Serum Laboratories) ha 50 milioni di dosi in produzione nei suoi laboratori di Melbourne.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *