Spese enormi e inutili del Portogallo per presiedere il Consiglio dell’Unione europea

Ogni sei mesi la presidenza del Consiglio dell’Unione Europea, organo che riunisce i capi di Stato e di governo dei Paesi membri, è affidata ad un altro Stato. Dal 1 gennaio 2021 è detenuto dal Portogallo, che lo terrà fino a giugno per poi lasciarlo alla Slovenia. A causa della pandemia di coronavirus, gran parte degli incontri e delle riunioni che avrebbero dovuto tenersi in Portogallo si svolgono a distanza. Tutti gli eventi dal vivo sono stati cancellati, ma il governo ha speso molti soldi per allestire sale riunioni, redazioni, gadget e altro materiale promozionale che non verrà mai utilizzato.

Il Consiglio dell’Unione europea ha potere legislativo presso il Parlamento europeo e ha anche poteri in materia di politica estera, economia e sicurezza. Assumere la presidenza è una grande opportunità per i paesi membri, poiché possono influenzare l’agenda politica dell’Unione, ma questo è particolarmente vero per i paesi piccoli, come il Portogallo.

A causa della pandemia, queste opportunità non possono essere sfruttate. Ma come ha detto di recente Politico, tuttavia, la Presidenza portoghese ha deciso di spendere molti soldi, come se tutti gli eventi si svolgessero effettivamente alla presenza.

– Leggi anche: La Cina vuole controllare le elezioni di Hong Kong

Ad esempio, più di 260.000 euro sono stati spesi per lo spazio per tenere conferenze stampa a Lisbona, nonostante le conferenze si tengano online e ci siano restrizioni ai viaggi di giornalisti stranieri in Portogallo; sono stati pagati oltre 35mila euro per la fornitura di vini da offrire per il ristoro; e quasi 40.000 euro sono stati spesi per acquistare centinaia di abiti e camicie per gli autisti che dovevano occuparsi dei trasferimenti dei delegati stranieri durante le loro visite nel Paese.

READ  ecco su cosa mette le mani - Libero Quotidiano

La presidenza portoghese ha giustificato queste spese sostenendo di aver sperato nella ripresa degli eventi in presenza dai primi mesi del 2021: la portavoce del presidente, Alexandra Carreira, ha spiegato che, nonostante la pandemia, non si poteva escludere la possibilità di tenere riunioni fisico “ad un certo punto nel prossimo futuro”, e per questo sono stati fatti “preparativi adeguati e tempestivi”.

Politico Ha detto, tuttavia, che alcune delle spese sostenute dalla presidenza sarebbero apparse eccessive anche in un periodo normale senza una pandemia in corso. La presidenza, ad esempio, non ha spiegato perché ha dovuto acquistare 360 camicie e 180 abiti per i conducenti, che sono dipendenti del governo e che probabilmente hanno già vestiti per fare il loro lavoro. Inoltre, la costruzione del centro stampa di Lisbona è stata affidata ad una società che non aveva ottenuto un appalto pubblico dal 2011 e che fino ad allora si era occupata solo di organizzare feste di paese. Ne ha parlato un giornalista portoghese in forma anonima a Politico, descrivendo l’edificio come una “città fantasma”.

– Leggi anche: L’attesa e inquietante visita del Papa in Iraq

La maggior parte delle riunioni si svolge in videoconferenza, ma all’inizio di gennaio il governo portoghese ha comunque insistito per organizzare incontri istituzionali con membri in diretta della Commissione europea a Lisbona. La scelta è apparsa azzardata per molti, anche considerando che all’inizio dell’anno è iniziata in Portogallo una nuova ondata di infezioni da coronavirus, che ha raggiunto il picco il 28 gennaio con 16.432 casi al giorno. Quello che ci si potrebbe aspettare è successo: dopo un incontro con João Leão, ministro dell’Economia portoghese, risultato positivo al coronavirus, tre commissari europei dovevano essere messi in quarantena.

READ  'American Patriots': il tweet di Ivanka Trump ai manifestanti del Campidoglio è tempestoso

A parte spese ingiustificate e altre controverse scelte di governo, i dubbi di molti riguardavano anche le sponsorizzazioni che la Presidenza portoghese ha firmato con varie società, alcune delle quali sembrano andare contro le politiche dell’Unione. Alcuni gruppi ambientalisti hanno particolarmente criticato la sponsorizzazione di aziende che operano in flagrante contraddizione con il Green Deal Europeo, l’ambizioso piano della Commissione Europea per combattere il cambiamento climatico.

Una società in particolare ha attirato l’attenzione della maggior parte dei critici, la L’azienda Navigator, un produttore di carta: lo scorso anno, l’azienda, inizialmente di proprietà statale e privatizzata solo nel 2004, ha ricevuto un prestito di 27,5 milioni di euro dalla Banca Europea per gli Investimenti, l’istituzione di credito dell’Unione Europea, ed è nota da tempo perché molti I portoghesi lavoravano lì o ci andavano a lavorare dopo aver interrotto la loro carriera pubblica.

Gli ambientalisti incolpano The Navigator Company per le sue estese piantagioni di eucalipto, ritenute collegate agli incendi boschivi in ​​Portogallo, e per l’accaparramento di terre in Mozambico. La società ha respinto le accuse e ha affermato di non avere un politico come direttore e nessun ex direttore è entrato a far parte del governo portoghese dalla privatizzazione.

– Leggi anche: In Germania, il partito di estrema destra AfD sarà posto sotto sorveglianza

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *