Covid, tutti gli errori della Germania

Dal cigno al brutto anatroccolo, dal campione di efficacia nella lotta contro la pandemia nella prima ondata, alla terra della maratona di blocco e del disastro dei vaccini nella seconda. Anche la parabola della Germania inizia ad avere violente riflessioni politiche, ora che è iniziata la campagna elettorale per le elezioni di settembre.

Oggi la falla attraversa persino il governo: l’attacco ad Angela Merkel (CDU) arriva dal suo vice, Olaf Scholz (Spd): “Quest’estate saremo seduti nella nostra Biergärten (la tipica birreria all’aperto, ndr) e la prossima stagione calcistica sarà del tutto normale “, ha detto provocatoriamente nelle colonne del tabloid più popolare, Bild. Completamente in contrasto con la linea del Cancelliere, che continua a tenere in piedi la bara sull’incidenza di 35 contagiati ogni 100.000 abitanti ( ha ribadito anche quest’ultima settimana, al termine del Consiglio europeo). E ribadisce che è necessario tornare alla normalità molto lentamente, a cominciare dagli incontri privati.

Mercoledì faccia a faccia i governatori della Merkel

Mercoledì è in programma un altro tumultuoso incontro governo-terra per decidere cosa fare dopo il 7 marzo, e già è in programma una rivolta di molti premier regionali, stremata da mesi di serrande abbassate. In Germania, la stragrande maggioranza dei negozi è stata chiusa da metà dicembre; ristoranti e bar da novembre. E molti la pensano come Heinrich Deichmann, presidente del colosso omonimo dei negozi di scarpe, che chiede di riaprire subito, dall’8 marzo: “Siamo in una situazione drammatica – ha detto all’Handelsblatt – che rischia di fare 50mila negozi. Fallire. . brucia 250.000 posti di lavoro “, ha avvertito. “La situazione è insopportabile”. Oggi i parrucchieri stanno riaprendo, nel frattempo, e molti hanno i loro programmi pieni di appuntamenti per le prossime settimane.

READ  Preghiera della sera da dire oggi 30 marzo 2021

Scholz ha riferito di sostenere pienamente la rivolta dei governatori della SPD, che chiedono di alzare il livello oltre il quale vengono allentate le restrizioni a 70 infetti ogni 100.000 abitanti. Attualmente la Germania è al 63,8%, ma per gli esperti la sostenibilità del sistema sanitario è garantita con il livello indicato dalla Merkel: 35. La chiave del ragionamento di Scholz per un rapido ritorno alla normalità sono i ritiri: “Possiamo fare molto altri test (…) E dovremmo usarli per iniziare la riapertura ”. Un ragionamento che dura ormai da settimane, sostenuto dalle maggiori associazioni del settore, che chiedono soluzioni di riapertura legate anche alla promessa del ministro della Salute, Jens Spahn, che ha annunciato tamponi gratuiti per tutti a partire da questa data. Quando esattamente non è ancora chiaro, ma il Cancelliere ha anche promesso che “da marzo” saranno liberi. Intanto, a fine febbraio, anche l’Agenzia tedesca per i medicinali ha dato il via libera agli assorbenti interni fai-da-te.

Il disastro del vaccino

I governatori sono anche sul recinto su un altro problema che paralizza la Germania: il disastro del vaccino. Secondo gli ultimi dati del Koch Institute, su oltre 8,4 milioni di dosi disponibili in tutto il Paese, ne sono state somministrate solo 5,9 milioni. Due milioni e mezzo di dosi non vengono utilizzate. E il problema riguarda in particolare AstraZeneca: un portavoce del ministero della Salute ha confermato mercoledì scorso che in Germania era stato inoculato solo il 15% del vaccino: 240mila dosi su 1,45 milioni.

READ  Trump minaccia di licenziare Fauci dopo le elezioni americane. Le ragioni dello shock

Resiste il pregiudizio nei confronti di un farmaco considerato meno efficace dei suoi concorrenti, ma ci sono anche problemi burocratici. E produttivo: Konstantin Matentzoglu, direttore di Celonic, ha detto in TV che “non possiamo avere le macchine e ci sono colli di bottiglia nei materiali per produrre i vaccini. Soprattutto: stiamo lottando per ottenere una garanzia sulle consegne delle aziende farmaceutiche ”.

I governatori di quattro importanti terre, Baviera, Baden-Wuerttenberg, Assia e Sassonia, hanno già chiesto che le vaccinazioni vengano effettuate nelle seguenti categorie o addirittura distribuite ai volontari davanti alle scorte. “Piuttosto che conservarlo, lascia che lo faccia chiunque voglia essere vaccinato”, ha suggerito il governatore bavarese Markus Söder. “Dobbiamo accelerare”, ha aggiunto in un’intervista a Bild am Sonntag. Sulla stessa lunghezza d’onda il suo collega di Baden-Wuerttenberg, Winfried Kretschmann: “Non possiamo permetterci di non somministrare il vaccino perché una parte della popolazione lo rifiuta”, ha detto a Welt am Sonntag.

AstraZeneca anche per gli anziani?

Alcuni, come il responsabile della salute dell’SPD, Karl Lauterbach, vanno ancora oltre e suggeriscono che AstraZeneca dovrebbe essere somministrato anche agli over 65 per i quali non è raccomandato finora a causa dei test minori effettuati presso gli anziani dalla società anglo-svedese . Un’idea condivisa anche dal presidente della Commissione Vaccini (Stiko), Thomas Mertens, che ha annunciato che lo avrebbe proposto al governo: “Si può fare e lo faremo”, ha detto.

READ  Nato-Russia, monta la tensione sull'Ucraina: "Mosca ferma le truppe". La risposta: "Stiamo rispondendo alle minacce dell'Alleanza"

Ma anche il politico dell’SPD Karl Lauterbach è favorevole alla “soluzione inglese”, imitata da molti paesi europei come Svezia, Danimarca o Irlanda e considerata con interesse anche da Mario Draghi: amministrare tutto, vaccinare subito senza preoccuparsi del promemoria, estendere il tempo della seconda dose.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *