Covid, un turista giapponese aspetta in Perù per 7 mesi e finalmente visita Machu Picchu

Jesse Katayama, un giovane turista giapponese, è il primo ad entrare nel sito archeologico dopo la chiusura di Covid. Le porte si aprirono solo per lui

Ha aspettato sette mesi lontano da casa sua, in Perù, alle porte di Machu Picchu, per poter visitare il sito archeologico che gli aveva chiuso le porte a marzo, a causa della quarantena di Covid. Jesse Katayama è una storia di straordinaria passione e tenacia che, l’11 ottobre, ha trovato la sua giusta ricompensa, quando ha potuto realizzare il suo sogno.

Ad Aguas Calientes del 14 marzo

Jesse è arrivato nel villaggio il 14 marzo, alla vigilia del blocco del paese. Non tornò a casa, però, ma si fermò ad Aguas Calientes, il villaggio più vicino al sito archeologico, per sette fattorie, aspettando pazientemente che la cittadella riaprisse. L’11 ottobre, le autorità di Cusco gli hanno permesso di essere il primo turista straniero ad entrare a Machu Picchu dall’inizio della pandemia, che ha provocato 849.371 casi e 33.305 morti in Perù.

“Non volevo andarmene senza vederla”

“Il nostro fratello giapponese è rimasto a Machupicchu Pueblo (nome ufficiale di Aguas Calientes) e dopo una lunga attesa è stato finalmente in grado di realizzare il suo sogno tanto atteso. È un esempio di come coordinarsi tra le istituzioni per raggiungere un obiettivo comune. “si legge in un messaggio su Facebook della Direzione generale del commercio estero e del turismo (Dircetur) di Cusco.” Volevo vedere Machu Picchu, ma un giorno prima di farlo, il santuario ha chiuso a causa della pandemia . Mi sono ritrovato con l’unico scopo di visitare questa meraviglia e non volevo andarmene senza averlo fatto “, ha detto il turista al quotidiano peruviano The Republic.

READ  Migranti, terzo soccorso per Open Arms, le persone a bordo ora sono 276

Il sito dovrebbe riaprire a novembre

Il sito di Machu Picchu dovrebbe riaprire ai turisti a novembre dopo un primo tentativo fallito a luglio dopo che le infezioni da coronavirus hanno continuato a crescere nella regione di Cusco (sud-est), dove si trova la cittadella.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *