Covid: via libera al quinto vaccino, Novavax – Mondo in Francia

Il vaccino contro il coronavirus SarsCoV2 del gruppo farmaceutico statunitense Novavax, basato sulla tecnologia classica e non mRNA come Pfizer o Moderna, diventerà il quinto disponibile in Francia dopo che oggi è arrivato il via libera della Haute Autorité de Santé (Has). Questo vaccino e quello di Janssen (Johnson & Johnson, già disponibile per gli over 55 in Francia) possono in alcuni casi essere un “utile alternativa” per le persone riluttanti a farsi iniettare i vaccini Pfizer e Moderna mRna, sottolinea l’autorità transalpina in una nota.

Primo bambino di età compresa tra 5 e 11 anni ad essere vaccinato in Brasile: Questo è Davi Seremramiwe Xavante, un bambino nativo di 8 anni, che oggi ha ricevuto il vaccino pediatrico da Pfizer presso l’Hospital das Clinicas di San Paolo, lo stato più popoloso del paese. Indossando una maschera bianca, Davi, che soffre di comorbilità, ha mostrato la sua tessera di vaccinazione a telecamere e fotoreporter durante una cerimonia pubblica presieduta dal governatore di San Paolo Joao Doria. Poche ore prima, le autorità di San Paolo avevano ricevuto il primo lotto di vaccini pediatrici dal governo federale. Pfizer ieri ha consegnato le prime 1,2 milioni di dosi che il dirigente di Jair Bolsonaro ha iniziato a distribuire nei 27 stati dell’Unione dopo il via libera a questi vaccini da parte dell’Agenzia nazionale di sorveglianza sanitaria (Anvisa).

CONTEGGIO DEI RECORD IN GERMANIA – “Sono ancora a favore di un requisito vaccinale generale dall’età di 18 anni”. Lo ha detto il ministro della Salute tedesco Karl Lauterbach in una conferenza stampa a Berlino. Il ministro ha sottolineato che “non è escluso che in futuro possa emergere una variante più contagiosa e più pericolosa”. Lauterbach ha poi osservato: “Non classifico nemmeno la variante Omicron come innocua. “Coloro che vengono vaccinati tre volte sono molto più protetti da gravi sviluppi e dall’ipotesi di morte per virus”, ha concluso.

READ  si rompe la testa durante una partita

Nel frattempo, il Paese ha un nuovo record di infezione da covid nelle 24 ore: secondo Istituto Robert Koch, sono stati registrati 92.223 (per il prima volta sopra la soglia dei 90.000, durante tutta la pandemia); due giorni fa la cifra aveva superato per la prima volta gli 80.000. Sono stati segnalati 286 decessi.Anche l’incidenza settimanale è aumentata a 470,6 casi ogni 100.000 abitanti. Il tasso di ospedalizzazione è di 3,09 pazienti ricoverati in terapia intensiva ogni 100.000 abitanti.

PRIMO PREMIER SVEDESE POSITIVO – Primo ministro svedese Madeleine Andersson è risultato positivo al Covid-19, poiché il paese nordico sta vivendo un boom di infezioni. Secondo il suo addetto stampa, Johan Ekström. Il presidente del Consiglio si sente bene, “sta seguendo le attuali raccomandazioni e farà il suo lavoro da casa”. Oltre ad Andersson, anche di Bolund – con chi guida il Partito dei Verdi Marta Stenevi – e il leader del Partito di Centro Annie Loof è risultato positivo al coronavirus dopo un incontro dei leader del partito mercoledì scorso.

AUMENTATO ECCESSO DI MORTALITÀ NELL’UE – La mortalità in eccesso nell’UE è aumentata nell’autunno 2021, raggiungendo un picco di 27% a novembre. Il valore è al di sopra del picco di mortalità in eccesso registrato nell’aprile 2020 (+25%), ma resta al di sotto del balzo massimo del dato registrato a novembre 2020 (+40%). Lo emerge dai dati sull’eccesso di mortalità pubblicati oggi da Eurostat e basati su una raccolta di dati settimanali sui decessi. In Italia l’indicatore è il più basso dopo quello della Svezia (-0,5%) e sale del 3,9%.

READ  Covid, su DiMartedì Pierpaolo Sileri furioso con No-vax: "Non disturbate chi lavora, uccidete gente. Fate solo danni!"

NEGLI USA ALLARME PER TERAPIA INTENSIVA – Ospedali in emergenza negli USA per la nuova ondata Covid dominata dalla variante Omicron, con oltre 800.000 casi e 1.871 decessi al giorno la scorsa settimana. Almeno l’80% dei letti è occupato in 24 dei 50 stati degli Stati Uniti, tra cui Georgia, Maryland e Massachusetts. I dati, secondo il New York Times, lo mostrano anche in 18 stati e almeno nella capitale 85% dei letti di terapia intensiva per gli adulti sono pieni: le situazioni peggiori sono in Alabama, Missouri, New Mexico, Rhode Island e Texas.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *