Dagli confronti delle offerte al fornitore unico, 8 consigli per chi non si è ancora trasferito al mercato … – Il Sole 24 ORE 

Hamelin Prog -landregs

Dagli confronti delle offerte al fornitore unico, 8 consigli per chi non si è ancora trasferito al mercato … – Il Sole 24 ORE Hamelin Prog -landregs

Confronto delle offerte per risparmiare sulla bolletta energetica

Sul mercato libero dell’energia sono presenti centinaia di fornitori con prezzi variabili, e per i consumatori diventa fondamentale confrontare le diverse offerte disponibili. Per fare ciò, è importante focalizzarsi sulla componente “spesa per la materia energia” e ignorare gli altri costi, come gli oneri e le imposte, che sono fissati dall’Autorità e sono gli stessi per tutti. Per facilitare il confronto tra le offerte, si può utilizzare un comparatore online o chiedere l’aiuto di un consulente esperto.

Una volta effettuato il confronto, si dovrà fare una scelta tra un prezzo fisso o un prezzo indicizzato. Nel primo caso, il prezzo rimane lo stesso per un determinato periodo di tempo, solitamente 12 o 24 mesi. Nel secondo caso, il prezzo varia mensilmente in base a un indice di riferimento, spesso collegato al costo della materia prima. Non c’è una scelta giusta o sbagliata, dipende dalle tariffe e dalla propensione al rischio di ciascun consumatore. Tuttavia, nel caso di un prezzo fisso, bisogna fare attenzione alla durata dell’offerta e confrontarla con altre presenti sul mercato prima di accettarla.

Le tariffe dell’energia devono anche essere adatte allo stile di vita di ogni consumatore. Ci sono tariffe biorarie, che offrono sconti in determinati momenti della giornata, e tariffe monorarie, con un prezzo unico indipendente dall’orario di consumo. La scelta tra queste due opzioni dipende dalle abitudini e dalla routine di ogni persona. In caso di dubbi, consigliamo di controllare la bolletta per individuare gli orari in cui si consuma più energia.

Per trovare l’offerta più adatta alle proprie esigenze, è indispensabile monitorare i propri consumi energetici. Recuperando le vecchie bollette, è possibile verificare i consumi annuali, misurati in kilowattora per l’elettricità e in smc per il gas. Questi dati aiutano a stimare il risparmio che si otterrebbe cambiando fornitore.

READ  Secondo acconto IRPEF: chi beneficia del rinvio al 2024

Infine, è importante scegliere un fornitore serio e affidabile per evitare frodi. In un periodo delicato come quello attuale, i tentativi di truffa sono aumentati. Per difendersi da queste frodi, il consiglio principale è di non affrettarsi e di verificare sempre l’autenticità delle proposte prima di accettarle. In caso di dubbi, è possibile contattare l’Autorità per l’energia o consultare le opinioni di altri consumatori.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *