dalla “denazificazione” alla “desatanizzazione” dell’Ucraina

dalla “denazificazione” alla “desatanizzazione” dell’Ucraina

Stampa associata

Notizie ONS

  • Iride Graaf

    Corrispondente in Russia

  • Iride Graaf

    Corrispondente in Russia

La cosiddetta “operazione militare” in Russia è in corso da nove mesi e i russi si chiedono sempre più spesso: “Perché? E: “Chi stiamo effettivamente combattendo?” Le domande si sono moltiplicate dopo la “mobilitazione parziale” e gli stessi russi devono essere entrati nella mischia. “Combattere i nazisti” non sembra un obiettivo adeguato per il quale la propria popolazione sacrificherebbe i propri uomini.

Le autorità cercano da tempo di convincere i russi che la “denazificazione dell’Ucraina” si è trasformata in una “guerra ibrida contro la NATO”, una “lotta contro l’Occidente per la sopravvivenza della Madre Russia”. Questa settimana c’è una nuova immagine del nemico che corrisponde a questa immagine: Satana. Da dove viene e cosa significa esattamente?

la guerra santa

Quando Putin ha annunciato l’annessione delle quattro regioni orientali dell’Ucraina, ha accusato l’Occidente di “puro satanismo”. A maggio affermazioni RIA Novosti che le streghe hanno inaugurato le armi dei soldati ucraini con la magia nera. “È stato trovato un simbolo satanico che evoca associazioni con i film di Hollywood sugli spiriti maligni”, ha detto RIA.

La scorsa settimana, la retorica ha preso slancio dopo una dichiarazione di Ramzan Kadyrov: “Oggi una persona religiosa che si rispetti non può semplicemente starsene a casa ad aspettare. Deve prendere la sua arma e combattere contro il satanismo. Secondo il leader ceceno, la lotta in Ucraina è ormai diventata una guerra santa (jihad) contro il satanismo.

Il giorno dopo, il segretario del Consiglio di sicurezza russo Alexei Pavlov ha annunciato che la “desatanizzazione dell’Ucraina” era il nuovo obiettivo dell'”operazione militare” in Ucraina. Secondo Pavlov, “la Chiesa di Satana si è diffusa in tutta l’Ucraina”, ci sono “centinaia di sette piene di occultismo dagli Stati Uniti” e il Paese deve essere “completamente destatizzato”. Agenzia di stampa RIA Novosti fatto queste affermazioni ufficialmente dal Consiglio di Sicurezza.

READ  Fine delle eruzioni di due vulcani alle Hawaii

“Esorcista scelto”

Questo corrisponde al quadro che Mosca dipinge da anni, e ciò che Putin ha ribadito ancora la scorsa settimana durante il suo discorso a un think tank: “l’Occidente collettivo” imporrebbe i suoi valori al mondo intero e integrerebbe la cultura russa con tutte le sue tradizioni e valori. E ciò metterebbe in pericolo l’esistenza stessa della Russia.

Il patriarca Kirill ha riassunto a nome della Chiesa ortodossa russa: “La lotta contro il neoliberismo è un tentativo di fermare l’Anticristo, che sta distruggendo l’umanità”. Kirill una volta definì Putin “l’esorcista prescelto”.

Variazioni su questa narrazione possono essere ascoltate in televisione quasi quotidianamente: l’Europa occidentale è afflitta dai “regimi nazisti LGBTI”, regna “l’ecofacismo”, i valori tradizionali, che devono essere rispettati, vengono “buttati via”.

Putin si profila sempre più come un “protettore” di questi valori tradizionali e vuole includere in essi la popolazione russa. L’idea è che finché ci crederanno, il sostegno a lui e alla sua “operazione militare” non diminuirà.

odio gay

Vladimir Solovyov, il propagandista più famoso della Russia, ha ridicolizzato il matrimonio dell’autore e scrittore russo Mikhail Zygar e del suo amico, che non vive più in Russia, nel suo talk show di questa settimana. Ha definito il matrimonio “l’esempio perfetto del satanismo”.

“Questo è esattamente ciò che i nostri ragazzi stanno combattendo in questo momento, ‘il male assoluto’, sotto forma di Satana, che si sta diffondendo in tutto il mondo”, ha detto Solovyov. Ha continuato: “Non stiamo più combattendo con questi partigiani nazisti, ma con la macchina satanista occidentale. Vogliono che diventiamo tutti come Zygar là fuori”.

Combattere contro “Satana”, condurre una “guerra santa”, in pratica si riduce essenzialmente all’omofobia dissimulata. In tutti i talk show, la comunità LGBTI è un simbolo del “mal Occidente”, in contrapposizione alla “Santa Russia” con i suoi “valori tradizionali”. Quest’ultima storia mira a convincere i russi dell’importanza dell’“operazione speciale” ea legittimare la guerra, ora presentata come “decisiva per il futuro della Santa Russia”.

READ  Ripristinata l'alimentazione alla centrale nucleare di Chernobyl, il personale è ancora incarcerato

Vediamo anche le conseguenze concrete di questa propaganda nella società. Questa settimana la Duma di Stato, il parlamento russo, ha approvato in prima lettura un disegno di legge che estende il divieto di “propaganda gay” a tutte le fasce d’età.

Questa legge è stata emanata nove anni fa con il pretesto di “proteggere i minori dai danni”. Chiunque promuova il “sesso non tradizionale”, anche se implica la condivisione di un arcobaleno sui social media, potrebbe presto rischiare ingenti multe o procedimenti penali. Gli stranieri possono essere immediatamente espulsi dal Paese.

Piuttosto morire che cedere al “satanismo”

Margarita Simonjan, caporedattore di RT (ex Russia Today), si è unita al talk show di Soloviev domenica scorsa. Lì, ha detto che non voleva vivere in un mondo “in cui non mi è permesso mettere un vestito su mia figlia e spiegare a mio figlio che è un maschio”. Loro chiamato l’insopportabile: “Per me è peggio della guerra. Meglio andare dritti in paradiso”. Gli altri ospiti del talk show annuirono in accordo.

Simonjan ha invitato i russi a vedere la bellezza della guerra in opposizione alle libertà occidentali: “La guerra ha obiettivi. Oltre alla tragedia e al dolore, c’è l’orgoglio, la felicità della vittoria e la crescita personale. Porta a una più profonda consapevolezza di sé all’interno della struttura della tua nazione, dei nostri valori e dei nostri ideali. Questa spazzatura occidentale ultraliberale? Si sta diffondendo come un tumore. Con la nostra mentalità, non possiamo vivere in questo modo.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *