Dalla Francia arriverà un nuovo strumento di controllo per l’amministrazione fiscale

Redditometer, controllo delle spese, monitoraggio e varie impostazioni. Lo Stato non si arrende e dalla Francia arriverà perché il fisco ha un nuovo strumento di controllo. La notizia arriva dalla Francia dove è stato creato il sistema. Non è difficile immaginare che arriverà anche in Italia. In effetti, molti degli strumenti che utilizziamo per combattere l’evasione fiscale sono stati importati da società straniere. Questo è stato anche il caso del cashback e della lotteria delle ricevute.

La Francia sta ora sperimentando questo nuovo metodo. Questo si chiama socialometro

Il nome deriva dalla fonte principale dei dati che verranno raccolti dall’amministrazione fiscale francese. Queste sono le informazioni presenti sui social network. Quali informazioni in particolare possono ottenere le autorità fiscali dai social network? Nel frattempo sarà possibile verificare se il contribuente è rimasto stabilmente nel territorio nazionale.

Dalla Francia arriverà un nuovo strumento di controllo per l’amministrazione fiscale

Questa informazione è di notevole importanza se si considera il numero di cittadini che si stabiliscono all’estero per pagare meno tasse. Anche l’Italia ha assistito al fenomeno portoghese. I pensionati italiani che hanno dichiarato al fisco di risiedere almeno 6 mesi all’anno in Portogallo dove le tasse sono più basse. Ma poi non resisti alla tentazione di postare foto di aperitivi e serate di cinema con gli amici. O pomeriggi con amati nipoti. Tutto rigorosamente in Italia.

Qui il contribuente può essere facilmente indotto in errore. Se hai trascorso l’intero anno, o la maggior parte di esso, nel tuo paese d’origine, devi pagare le tasse alle tariffe del tuo paese.

READ  Nieddu: "Rt in Sardegna under 1, speriamo in zona arancio"

Per ora, il socialometro sarà introdotto in Francia come metodo sperimentale per 3 anni.

I rischi per gli evasori fiscali

Il decreto che ha autorizzato lo Stato francese a indagare sui profili sociali dei contribuenti è datato 13 febbraio. La raccolta dei dati avviene attraverso un algoritmo predefinito per raccogliere informazioni relative a vacanze, acquisti importanti o visite a luoghi particolari. L’accesso da parte dell’Amministrazione finanziaria è autorizzato a tutti i dati pubblicati su Facebook, Instagram, Twitter e altri social network. Fondamentalmente, queste sono tutte le piattaforme su cui tutti pubblicano foto dalle vacanze ai luoghi esotici o alle cene di ostriche.

Dalla Francia arriverà un nuovo strumento di controllo per l’amministrazione fiscale

La condizione per continuare

Esiste una condizione necessaria affinché le autorità fiscali abbiano accesso a tutti questi contenuti altrimenti coperti da riservatezza. L’utente dovrà aver prestato il proprio consenso alla libera pubblicazione del contenuto stesso. Ed è proprio questi consensi generici al post che tutti firmano involontariamente al momento dell’iscrizione a un social network. Quindi tutti gli abbonati sono potenzialmente soggetti a questa novità Controllo.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *