Danese Siddiqui, il reporter giustiziato dai talebani in una moschea – Corriere.it

di Marta Serafini

Il fotografo vincitore del Premio Pulitzer è stato ucciso il 16 luglio vicino al confine pakistano. Secondo una nuova ricostruzione non sarebbe morto in uno scontro a fuoco. Ma è stato giustiziato dai talebani

Il 16 luglio, il fotoreporter danese Siddiqui, fotografo principale di Reuters in India è stato ucciso in Afghanistan. Inizia così la ricostruzione delle ultime ore di questo Premio Pulitzer caduto a terra. è stato ucciso a colpi di arma da fuoco durante uno scontro tra le forze di sicurezza afghane e i talebani, il New York Times. è stato ucciso dal fuoco incrociato dei talebani, ha spiegato il Washington Post. Ma ora, sempre dagli Stati Uniti, arriva sulle colonne del giornale la firma di Michael Rubin – ex funzionario del Pentagono e ora analista Esaminatore di Washington una nuova versione di quanto accaduto. Non si trattava solo di danni collaterali; invece, è stato brutalmente assassinato dai talebani.

Secondo fonti afghane citate anonimamente da Rubin, Siddiqui – di nazionalità indiana e vincitore del Pulitzer nel 2018 per aver documentato gli abusi sui Rohingya – si trovava nell’area di Spin Boldak al posto di confine con il Pakistan. inserito con le forze afghane. Poi, quando il convoglio arriva vicino al confine, un attacco dei talebani divide la squadra. Siddiqui rimane separato dal resto del gruppo con tre soldati afgani. Durante questo assalto, una scheggia ha colpito Siddiqui, così lui e la sua squadra si sono rifugiati in una moschea dove hanno ricevuto i primi soccorsi. Poi i talebani hanno attaccato di nuovo, continua il rapporto. A quel tempo, secondo quanto riferito, i talebani hanno preso d’assalto la moschea a causa della presenza di Siddiqui. Poi, una volta sicuri di essere in presenza del giornalista, dopo averlo colpito alla testa, lo hanno giustiziato crivellandolo di colpi di pistola, come testimonia anche il filmato di cui Rubin è entrato in possesso. Il comandante e il resto della sua squadra sono morti cercando di salvarlo.

READ  Sri Lanka: verso il divieto pubblico del burqa, ragioni di sicurezza - Last Hour

Un attacco deliberato, dunque, e non certo un incidente di guerra. I talebani sono ancora brutali, ma probabilmente hanno portato la loro crudeltà a un nuovo livello perché Siddiqui era indiano.scrive ancora Rubin.

Finora, il Dipartimento di Stato degli Stati Uniti ha espresso le sue condoglianze per l’incidente, ma non ha ancora risposto al commento di Rubin. che mette in discussione la decisione dell’amministrazione americana di negoziare con un gruppo estremista così feroce il ritiro delle loro truppe. E la notizia è rimbalzata a Bruxelles, ribadita ieri in un post del presidente del Parlamento europeo David Sassoli.

Siddiqui, che lascia la moglie tedesca Rike e due figli e che si era unito Reuters nel 2010 come stagista, è stato sepolto nel cimitero Jamia Millia Islamia di New Delhi, alla presenza di centinaia di persone. Era amato e rispettato – dicono di lui i colleghi – al ritorno da una missione, gli altri cronisti lo salutarono come una rockstar. Ha seguito il terremoto del Nepal nel 2015, la battaglia di Mosul nel 2016 e le rivolte di Delhi nel 2020 in cui ha immortalato un giovane fondamentalista indù mentre sparava a una folla in rivolta contro la legge anti-islamica.

Il danese Siddiqui era un giornalista che faceva il suo lavoro. Ed è stato ucciso per questo.

31 luglio 2021 (modifica 31 luglio 2021 | 22:30)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *