Tamberi, medaglia d’oro nella finale di salto in alto alle Olimpiadi – Corriere.it

di Gaia Piccardi, inviata a Tokyo

Gianmarco Tamberi trionfa con una quota di 2.37 con il Qatar Barshim. Tre errori a 2.39 per entrambi, che poi decidono di rinunciare allo spareggio

Uno straordinario Gianmarco Tamberi ha vinto la medaglia d’oro a pari merito con il Qatar Mutaz Barshim nel salto in alto alle Olimpiadi di Tokyo. Il 29enne marchigiano – che aspettava questo giorno da cinque anni, cioè da quando a causa di un infortunio è stato costretto a assistere alle Olimpiadi di Rio con la caviglia immobilizzata dal gesso all’altezza del ginocchio – ha chiuso a 2.37, a soli 2 centimetri dal suo primato personale. Dopo una corsa straordinaria senza errori nei primi 7 salti, Gimbo, come il Qatar, ha commesso tre errori a 2.39. A questo punto, da regolamento, i due potrebbero scegliere di giocare i play-off o accordarsi sul pareggio. Con un abbraccio, Tamberi e Barshim hanno scelto di condividere la più bella delle gioie.

Il Corriere ha creato uno speciale con atleti, programma, medaglie, storie e risultati in tempo reale: guarda lo speciale sulle Olimpiadi

La gara

Una sfumatura per la barba (oggi niente mezza rasatura), uno sguardo concentrato, Tamberi parte con disinvoltura a 2.19 e si ripete a 2.24. Il prossimo passo un 2.27: bene per Gimbo (che è soddisfatto), meno bene per Pap Marco che fa una smorfia un po’ così da tribuna. Si alza alle 2:30: Anche Gimbo supera questa quota e solo 5 (dei 10 finalisti su 13 rimasti) lo hanno fatto senza errori. Eccoci a 2.33: Tamberi continua il suo percorso immacolato e provvisoriamente primo con il Qatar Barshim, l’altro impeccabile dei restanti sette finalisti (su 13). Passaggio successivo: 2.35. Anche qui Barshim non ha torto, così come il coreano Woo e l’australiano Starc. Ma Gimbo straordinario: tocca il bar che balla e balla, ma non cade. Tamberi resta primo con Barshim. Correre per mirare 2.37 Quindi ne restano sette: passano Barshim e Nedasekau, ma passano anche Tamberi, con un margine maggiore rispetto a 2,35. Ora Gimbo è a soli 2 centimetri dal suo record personale. Semplicemente perfetto. un 2.39 Accade il primo errore di Tamberi, ma anche Barshim si ferma e fallisce al secondo tentativo. Due errori anche per Nedasekau, terzo, mentre Woo e Starc vengono eliminati. poi Tamberi ci riprova, ma per lui arriva il secondo errore. L’errore di Harrison spalanca il podio per Gimbo, poi Barshim fallisce al terzo tentativo, Nedasekau esce e per Tamberi c’è il match point: fallisce, ma è tutt’altro che un fallimento. Perché per lui – con Barshim deciso a non partecipare ai playoff – c’è la medaglia d’oro. Una delle medaglie d’oro più incredibili nella storia dello sport italiano.

(articolo in aggiornamento)

Se vuoi rimanere aggiornato sulle novità di Tokyo 2020, iscriviti alla newsletter gratuita dei Giochi Olimpici di Tokyo 2020. Arriva nella tua casella di posta ogni giorno per tutta la durata dell’evento.Basta cliccare qui.

1 agosto 2021 (modificato il 1 agosto 2021 | 15:03)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *