Donna incinta sfida la multa stradale Usa: ‘Il mio bambino conta anche come passeggero’ |  All’estero

Donna incinta sfida la multa stradale Usa: ‘Il mio bambino conta anche come passeggero’ | All’estero

Brandy Bottone di Plano, in Texas, insiste e vuole contestare un biglietto per la guida con un solo passeggero in una corsia speciale riservata alle auto con molti passeggeri. Lo riporta l’americana NBC News. In queste vetture, devono esserci almeno due o tre persone nella corsia del carpool in questione. La donna incinta si sente completamente nel suo diritto. Era incinta di 34 settimane al momento del suo arresto.

Quando un agente ha chiesto dove fosse il suo secondo passeggero richiesto, ha detto che il suo bambino era importante, citando le nuove norme sull’aborto in Texas, a seguito di una sentenza della Corte Suprema. “Questo bambino è vivo, non capisco perché non puoi vederlo”, ha detto la donna. Ma l’ufficiale ha risposto che il passeggero doveva vivere fuori dal suo corpo per contare e ha multato la donna di $ 275. Doveva andare a prendere suo figlio e non voleva fare tardi.

“Il mio sangue sta ribollendo. Come può essere giusto? Secondo la nuova legge, il mio bambino conta come un essere vivente. Come un essere umano”, ha detto ai media statunitensi dopo l’incidente. Secondo gli esperti legali, questo è un caso unico e diversi giudici possono gestire il caso in modo completamente diverso. “Questo è un territorio inesplorato”, ha detto Chad Ruback, un avvocato di Dallas. Bottone è dovuto in tribunale il 20 luglio.

READ  Proteste di destra contro la morte di una ragazza di 12 anni in Francia, contro la volontà dei genitori

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *