Dopo un periodo più breve, il giocatore dell’Ajax Rensch crede che il “vecchio Devyne” sia tornato |  ADESSO

Dopo un periodo più breve, il giocatore dell’Ajax Rensch crede che il “vecchio Devyne” sia tornato | ADESSO

Il giocatore dell’Ajax Devyne Rensch ha subito una grave caduta la scorsa stagione, durante la quale è passato dalla nazionale olandese alla divisione dei campioni di cucina. Il difensore di destra dell’Ajax ora sente di essere tornato al livello della sua svolta. Mercoledì ha fatto una buona impressione nella partita di Champions League contro i Rangers FC.

Aveva appena diciotto anni e aveva servito solo pochi minuti come sostituto nella prima squadra dell’Ajax. Arrivato dal nulla, l’autodidatta Rensch è diventato un giocatore fondamentale per la squadra di Amsterdam all’inizio dello scorso anno, sostituendo Noussair Mazraoui, infortunato da tempo. L’ex allenatore Erik ten Hag pensava che Flevolander stesse facendo così bene che se ne andò quando Mazraoui si era ripreso.

Ma dopo che Rensch aveva vinto il titolo e la Coppa KNVB, giocato partite europee e persino stato convocato per la nazionale olandese, il tuffo ha seguito il drammatico vantaggio. Venti giorni dopo il suo debutto con l’Orange, ha giocato con Jong Ajax al De Toekomst contro MVV nella Kitchen Champion Division. Rensch ha poi visto dalla panchina come Mazraoui eccellesse nel primo tempo come terzino destro.

Mazraoui è partito per il Bayern Monaco in estate e così sono sorte nuove opportunità per Rensch sotto la guida del nuovo allenatore Alfred Schreuder. Il difensore di destra lo prende con entrambe le mani. Con le sue scariche sulla fascia destra, Rensch è stato uno dei migliori giocatori dell’Ajax mercoledì nella partita per 4-0 di Champions League contro i Rangers FC.

“Penso che rivedrai il vecchio Devyne”, ha detto Rensch alla superpotenza scozzese dopo il gala dell’Ajax. “Si vede il gioco che ho mostrato due o tre anni fa. Gioco in modo molto offensivo e creo molte occasioni. Ho riacquistato fiducia”.

READ  Spezia, è ufficiale: confermata una pesante assenza

“Meno periodo era difficile”

Un anno fa, alla Rensch era difficile trovare fiducia. Ha riconosciuto di aver fatto molta strada. “Da ragazzo era difficile trovarsi in un periodo minore. Non l’avevo mai sperimentato prima. Era importante ritrovare rapidamente la fiducia in me stesso e tornare al mio vecchio livello”.

Rensch ha parlato molto con i suoi parenti per uscire dalla crisi. “Ad un certo punto sai anche che andrà tutto bene se inizi a stare bene. Devi continuare a credere in te stesso e sapere cosa puoi fare. Per me è un bel calcio. Poi la fiducia tornerà automaticamente”.

Anche quando Rensch era in un periodo minore, è stato convocato dall’allenatore della nazionale Louis van Gaal. Nelle conversazioni che ebbe con Van Gaal, Rensch intuì la fiducia dell’Amsterdammer. “Voleva rivedere il vecchio Devyne. Spero di averlo mostrato adesso.”

Il suo allenatore Schreuder vede che Rensch sta tornando. “Si sta sviluppando molto bene”, ha detto Schreuder dopo la partita contro i Rangers. “Penso che stia giocando con maturità e abbia un buon legame con l’ala destra Dusan Tadic”.

“Sono impegnati l’uno con l’altro in allenamento: quando dovrebbe essere dentro e quando dovrebbe essere fuori? In difesa sta migliorando sempre di più. Sembra stabile e il suo ambiente lo allena e lo aiuta bene. Fa dei passi”.

Nel settembre dello scorso anno, Devyne Rensch ha debuttato con la nazionale olandese.


Nel settembre dello scorso anno, Devyne Rensch ha debuttato con la nazionale olandese.

Nel settembre dello scorso anno, Devyne Rensch ha debuttato con la nazionale olandese.

Foto: Scatti professionali

“La Coppa del Mondo a volte mi passa per la testa”

Rensch dice che sta migliorando grazie alla concorrenza con il nuovo arrivato messicano Jorge Sánchez, che è stato rubato dal Club América il mese scorso per 5 milioni di euro. “Tutti hanno bisogno di competizione perché ti rende un giocatore migliore. Anche io”. Schreuder la pensava allo stesso modo. “Se vuoi essere un top player, hai bisogno di competizione. Devyne sta dimostrando di essere pronto”.

READ  Hamelin Prog: Sinner dopo la sconfitta con Alcaraz a Indian Wells: “Sono stato troppo prevedibile, devo capire perché ho sb… - la Repubblica

La sua buona forma arriva al momento giusto per Rensch: il Mondiale in Qatar è in programma tra due mesi. Inoltre, non c’è un chiaro backup dietro l’indiscusso Denzel Dumfries all’Orange. “Certo che a volte mi passa per la testa la Coppa del Mondo. Mi piacerebbe essere lì”.

Rensch è stato incluso da Van Gaal nella rosa dei candidati di 32 uomini del Team Orange per la partita internazionale di fine mese. Per il ruolo di sostituto di Dumfries dovrà competere con Jérémie Frimpong, che nelle prime settimane di stagione ha impressionato il suo club, il Bayer Leverkusen. La selezione finale sarà annunciata venerdì prossimo.

Lo stesso Rensch non pensa alla nazionale olandese. “La cosa più importante è che ora sto facendo bene all’Ajax e mantenendo questo slancio. Non sto ancora lavorando alla Coppa del Mondo. Vedrò cosa riserva il futuro”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *