D’Orazio, Canzian in lacrime per Domenica In lascia lo studio. Commossa anche Mara Venier

Rosso canziano viene spostato in televisione, a Domenica in, per ricordare l’amico e il collega Stefano D’Orazio, morto di Covid-19. “È impossibile credere a quello che è successo a Stefano. È successo tutto così in fretta, con l’incapacità di intervenire e di stargli vicino. È un virus bastardo che toglie ogni possibilità di conforto e c’è anche questa nota di crudeltà nel rapire persone che non posso accettare ”, spiega il bassista di Cacca.

LEGGI ANCHE Gigi Proietti, l’omaggio di Stefania Sandrelli a “Ballando con le stelle”

“Sembra che il virus si sia vendicato di quelle parole di speranza che ha scritto per” Rinascerò, rinascerai tu “e sembra che abbia deciso”, aggiunge.

Canzian racconta come è avvenuto il loro ultimo incontro lo scorso giugno. “Abbiamo suonato, come sempre, su tutti i nostri problemi – ha detto – Se Pooh ha compiuto i 50 anni, non è solo per la musica che abbiamo fatto ma anche per la grande visione imprenditoriale che Stefano aveva”.

“Adesso non mi manca il collega, mi manca la persona – prosegue Canzian – sono molto arrabbiato con questo virus. Quando mi sono operata al cuore nel 2015 a Roma, quando mi sono svegliata in sala di risveglio, mia moglie stava aspettando me, i miei figli e Stefano. Lo ricordo ancora con la maschera, il cappello e mi chiedevo “di chi sono questi occhi?”. Mi ha dato il contatto e non aveva niente. Tutto questo mi fa davvero arrabbiare. Penso a Tiziana, sua moglie, che non poteva raggiungerlo e che era a un chilometro di distanza ”.

“È difficile umanamente”, sottolinea Canzian. “L’uomo mi mancherà molto – conclude – Siamo cresciuti insieme, eravamo poco più che ragazzi”.

Commossa anche Mara Venier: si asciuga una lacrima dopo aver visto Red Canzian, il bassista del gruppo, che, preso dall’emozione, ha lasciato il collegamento dopo “Rebirth, reborn”, il brano scritto da D’Orazio e Roby. Facchinetti. “Ciao Red, grazie, ti voglio bene fratello – ha commentato Venier – E un ciao a Stefano, ovunque tu sia”.

L’incidente

D’Orazio aveva anche passato una notte in carcere per aver difeso una donna. A raccontare l’episodio, è lo stesso Canzian. “Stefano è riuscito a finire in carcere, a Trieste – ha raccontato – Un giorno eravamo seduti in un bar e abbiamo sentito una frenata fortissima per un’auto che ha rischiato di urtare una signora sul passaggio pedonale. Era puro, un Robin Hood. , si alzò e andò a trovare questo signore che aveva iniziato a rimproverarla e urlarle contro. Stefano aveva chiamato la polizia, solo che era un comandante della polizia o dei carabinieri ed è stato quindi arrestato per aver insultato un ufficiale. la notte a Coroneo, a Trieste, in carcere. Là si era sparsa la voce che Stefano fosse arrivato, e nel bagno delle donne lo chiamavano, nel bagno degli uomini gridavano per lui. Abbiamo fatto il concerto a tre al Castello di San Giusto, abbiamo messo per terra un microfono e picchiettato con il piede per risparmiare tempo. “E quando è uscito il giorno dopo?” Chiede Mara Venier. “Ha detto che l’avrebbe fatto di nuovo”, risponde Canzian.

Ultimo aggiornamento: 16:23


© RIPRODUZIONE RISERVATA

READ  Tiziano Ferro risponde duramente a Meloni "Devono essere puniti"

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *