E il sostegno russo all’“operazione militare” di Putin?

E il sostegno russo all’“operazione militare” di Putin?

Ora leggiamo sempre di più che circa l’80% dei russi sostiene Putin. Il numero viene da sondaggi ufficiali del sondaggista VTSIOM† Questo è affiliato al Cremlino e quindi non è un sondaggista indipendente.

VTSIOM pubblicherà informazioni che faranno piacere al Cremlino. Ma forniscono anche sirene indipendenti, come Levada Center numeri simili† Eppure probabilmente non rispecchiano il vero stato d’animo della popolazione, perché ignorano un fattore importante: quello dell’autocensura.

La Russia ha introdotto una brutale censura militare nella prima settimana di guerra. La diffusione di “falsificazioni” delle azioni dell’esercito russo è punibile con la reclusione da tre a 15 anni. Ciò include l’uso delle parole “guerra” e “invasione”.

In Russia, questi sondaggi sono condotti per telefono. Quando si riceve una chiamata da un’agenzia elettorale, che conosce il tuo numero di telefono e il tuo indirizzo, e poi ti viene chiesto se sei “per” o “contro” Putin o “l’operazione militare”, quasi nessuno osa rispondere “contro”. È quindi quasi impossibile valutare l’opinione reale.

“Non voglio andare in galera”

Il progetto di ricerca indipendente “Do Russians Want War” ha deciso di misurare la paura dei russi nei confronti dei sondaggi di opinione. Tra il 10 marzo e il 13 marzo ha condotto un’indagine telefonica a livello nazionale, a cui hanno preso parte 1.811 intervistati. È stato chiesto loro se considerassero le azioni russe in Ucraina una “operazione militare speciale”. Il 63,3% ha detto di sì.

Una selezione di reazioni che i ricercatori hanno condiviso: “Beh, sai cosa succede se dico di no. Poi ovviamente ti dirò che questa è un’operazione militare speciale. Qualsiasi altra opinione porta ad accuse penali, non voglio andare in prigione”. (maschio, 51, città). “Ora per legge è vietato rispondere a ciò che si pensa. Mi asterrò quindi durante la votazione” (maschio, 58, città). “Non lo so. Se rispondo adesso, domani verranno a trovarmi e la polizia mi porterà via.” (Donna, 53, villaggio).

READ  Biden contro Xi, `` in lui nemmeno un'oncia di democrazia '' - Ultima Ora

Secondo il progetto di ricerca, i russi si rifiutano sempre di più di rispondere a domande come questa, dicendo che non vogliono andare in prigione. Ciò significa, secondo i ricercatori, che i sondaggi d’opinione nella Russia di oggi non riflettono più opinioni reali. Soprattutto, illustrano che la paura è in lei.

Infine, è importante rendersi conto che c’è un divario generazionale: decine di migliaia di giovani russi che parlano contro Putin o contro la guerra sono stati arrestati dopo le manifestazioni. E un altro quarto di milione di giovani russi altamente istruiti sono fuggiti dal paese a causa della repressione.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *