“Ecco perché Donnarumma se n’è andato”

Donnarumma?

“Parlo perché ho avuto modo di incontrare Donnarumma in più occasioni e mi sono sentito un ragazzo più maturo dalla sua giovane età. Quindi le mie parole suscitano nei suoi confronti un sentimento di stima. Stima come uomo e come giocatore. Eppure non riesco a nascondere il file scusa per questo epilogo ”.

Cosa pensi che sia successo?

“Se era contento del Milan, la società che lo ha fatto crescere e migliorarlo, doveva restare. Nella vita c’è anche un sentimento di gratitudine verso chi ti ha dato una possibilità importante e questa è stata l’occasione per dimostrarlo. Inoltre, cosa da non dimenticare, il club gli aveva offerto un ricco contratto. Allora mi chiedo: perché partire? Perché forzare la situazione? “.

Sacchi su Raiola e il vecchio Milan

Per guadagnare ancora di più. È semplice, no?

“Ci sono esempi, rimasti nel mondo milanese, che sono piuttosto significativi. Sto parlando dei casi Shevchenko e Kakà. Il primo, per i soldi, ha deciso di andare al Chelsea. Il secondo, sempre per una questione economica, ha scelto il Real Madrid. Entrambi hanno fallito. Lasciare un luogo in cui si è amati è sempre un rischio. Onestamente non capisco come possa essere lascialo certo per l’incerto in nome del denaro ”.

Dove andrà Donnarumma? Le sensazioni di Sacchi

Desiderio?

“Anch’io gli auguro il meglio, Dio non voglia. Tuttavia, se avesse fatto un’altra scelta, e cioè se avesse deciso di restare, avrebbe fatto un salto di qualità come persona: avrebbe dimostrato di non essere condizionato dalla vile moneta. E, probabilmente, in futuro non avrebbe rimpianti. Quindi d’altra parte, non lo so. Il denaro non può essere l’obiettivo principale di un professionista, ma una giusta e normale conseguenza ”.

Cosa succederà adesso? Dove andrà Donnarumma?

“Non posso saperlo. Una cosa, però, la so: è molto bravo, ha talento, è giovane e ha ancora molto bisogno di migliorare. Se a Milano ha dato il meglio di sé, anche perché l’ambiente lo ha aiutato, non è certo. che lo stesso sta accadendo altrove. È un rischio ”.

READ  Valentino Rossi dalla quarantena al coronavirus: `` Il nervoso non mi va oltre ''

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *