Egitto, madre di un prigioniero racconta le torture subite dal figlio: arrestato. Le ONG scrivono al regime, ma la risposta è la repressione

Cinque organizzazioni per tutela dei diritti umani presentare un dossier ufficiale al governo con 7 richieste e il regime ricambia il favore continuando a seguire la via del repressione. Il via libera, nelle scorse settimane, a una serie di uscita dalla prigione Prigionieri politici e coscienziosi “eccellenti” sembrano aver creato una breccia e un cambio di passo da parte delle autorità egiziane. Le liberazioni, dopo quasi due anni di detenzione, di giornalisti Solafa Magdy e tuo marito Hossam el-Sayyad, dal collega Khaed Daoud e altri, apparivano come atti rilassante.

Su questa crepa, che sembrava ovvia ai più, le Ong egiziane, compresa quella dei consulenti familiari regeni, Ecrf e Eipr da Patrick zaki (Afte, Anhri e anche il centro anti-tortura el-Nadeem hanno firmato il fascicolo), hanno voluto aderire presentando un piano composto da 7 punti precisi. UNA cartella composto dalle applicazioni più famose rigoroso: il rilascio immediato di tutti prigionieri politici, compreso un taglio di procurare i criminali dedicato agli attivisti per i diritti umani, la durata infinita delle detenzioni costantemente rinnovate in attesa di processo, l’arresto di casi continuamente riciclati per non rilasciare prigionieri, la revoca dello stato di emergenza imposto nel 2017 e infine lo sblocco dei siti di notizie blackout negli ultimi anni. Per il momento il governo non ha reagito ufficialmente alla presentazione del cartella con una posizione ufficiale, proseguendo il suo cammino repressivo.

A questo proposito, la storia di Abdul Rahman al-Shuweikh, un giovane detenuto del carcere di massima sicurezza di Minya, una città a 250 chilometri a sud del Cairo. Alla fine di aprile il giovane, durante una riunione a prigione, ha detto a sua madre che aveva sofferto tortura e violenza, anche da carattere sessuale. La madre del ragazzo, dopo aver sporto formale denuncia al pubblico ministero, ha riportato l’episodio attraverso un post sui social raccontando quanto accaduto al figlio. Una scelta tra conseguenze spettacolare. Pochi giorni dopo, il 26 aprile, uomini del Nn, sicurezza nazionale, ha fatto irruzione nella casa della famiglia di notte al-Shuweikh fermare tutti i membri presenti, a cominciare dalla madre, Hoda Abdul Hamid, 55 anni, il padre Jamal al-Shuweikh, 65 anni, e l’altra ragazza Salsabil, solo maggiorenne. La famiglia è stata svegliata di soprassalto e portata via ancora in pigiama, senza che nessuno potesse nemmeno prendere i propri effetti personali. Il padre e la figlia sono stati rilasciati nei giorni successivi, mentre la madre del detenuto è stata arrestata e rinchiusa in carcere per essersi unita a un gruppo terroristico e diffondere notizie false: per questo è scattata l’inchiesta sul caso 900 del 2021.

READ  Il presidente smantella l'America di Trump

L’incubo per la famiglia al-Shuweik non è qui intorno. Lo stesso giorno del blitz, un altro fratello di Abdul Rahman, Abdulaziz, anche lui in prigione, nella famosa prigione di Torah Al Cairo, è stato spostato da un’area ordinaria alla sezione più temuta e di massima sicurezza Scorpione I: “L’unica colpa della madre della detenuta è stata quella di denunciare quanto accaduto a suo figlio – attacca un funzionario del centro anti-tortura el-Nadeem che gli parla a nome di altre Ong egiziane – delle violenze subite. stesso autorità giudiziaria ha fatto in modo che alcuni detenuti dalla prigione di Minya lo ha testimoniato Abdul Rahman al-Shuweik tempo pazzo e che aveva inventato tutto. In effetti, il file detenuto non ne soffre problema psichiatrico. Questo è ancora un altro abuso di questo regime famiglia, con tre bambini in prigione. Riteniamo le autorità egiziane responsabili della sicurezza e della salute dei membri della famiglia al-Shuweik attualmente detenuti. Chiediamo inoltre che il pubblico ministero ordini un’indagine approfondita sulle torture e le violenze subite da Abdul Rahman al-Shuweik ”.

Più recentemente, per l’esattezza lunedì scorso, il governo di Cairo, in particolare il Ministro degli Interni su cui il Nn, è diventato il protagonista di un altro episodio biasimevole. Uomini dell’agenzia di sicurezza egiziana hanno fatto irruzione nella casa di una famiglia residente nel governatorato di Sharqiya prendere una moglie e i suoi tre figli piccoli. Un’azione decisiva per spingere il marito della donna, latitante, ad arrendersi alla polizia. Per due giorni di lei e per lei tre bambini, tutti sotto i 10 anni, non sapevamo niente, ma fortunatamente nel pomeriggio del 5 maggio lo erano pubblicato.

READ  se vuoi chiedere a Maria una grazia, dì questa preghiera

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *