Erdogan inizia rapidamente a ricostruire l’area del disastro, ma le critiche rimangono

Erdogan inizia rapidamente a ricostruire l’area del disastro, ma le critiche rimangono

Notizie ONS

  • Mitra Nazar

    corrispondente Türkiye

  • Mitra Nazar

    corrispondente Türkiye

Camion ed escavatori guidano avanti e indietro attraverso le praterie alla periferia della città di Adiyaman. Stanno prendendo forma i contorni di un nuovo quartiere residenziale. Le fondamenta del primo blocco residenziale sono già posate, il cemento è già stato gettato, su di esso sono posati i cavi d’acciaio.

La società di costruzioni statale TOKI ha iniziato a costruire case per le vittime del terremoto alla fine di marzo nella città che è diventata praticamente inabitabile dopo i terremoti del 6 febbraio. Il presidente Erdogan ha dato il via alla cerimonia di apertura. Vide il primo cemento che veniva versato nel terreno. “Guarda, il nostro cemento è arrivato”, ha esclamato durante le riprese televisive in diretta.

300.000 famiglie

Sul cantiere, l’architetto Burak Yolcu afferma che ci sarà spazio per 2.700 appartamenti con due e tre camere da letto. “Da 6.000 a 7.000 persone potranno vivere qui. Stiamo lavorando sodo. Deve finire rapidamente, in modo che le persone possano lasciare le tende e vivere di nuovo nelle proprie case”.

Questo non è l’unico posto in cui il governo turco ha iniziato a costruire. Cantieri sono apparsi anche a Nurdagi vicino a Gaziantep e Kahrarmaras nelle ultime settimane. Secondo Murat Kurum, ministro dell’edilizia abitativa, entro un anno nella zona terremotata verranno costruite più di 300.000 nuove case. La costruzione di 53.000 appartamenti è già iniziata.

Le città non sono solo case, devono essere costruite nel loro insieme e nel rispetto della logica e della scienza.

Scienziati di varie università in una lettera urgente

Esperti indipendenti avvertono che la costruzione sta iniziando troppo presto. L’urbanistica non viene presa in considerazione, non c’è partecipazione degli abitanti e la costruzione avviene su fertili terreni agricoli. Scienziati di varie università hanno scritto una lettera urgente esortandoli a non prendere decisioni affrettate sulla ricostruzione. “Le città non sono solo case, devono essere costruite nel loro insieme e secondo la logica e la scienza”, hanno scritto.

READ  Putin ringrazia i soldati di Wagner e dà la scelta: unisciti alla lotta o vai in Bielorussia | All'estero

Ci sono preoccupazioni per la mancanza di trasparenza riguardo ai test del suolo nei luoghi in cui lo stato ha iniziato a costruire. Inoltre, è discutibile se abbia senso costruire in luoghi dove ci sono ancora scosse di assestamento. Secondo il quotidiano BirGun, una delle firmatarie della bruciante lettera è stata espulsa poco dopo dalla sua università di Istanbul.

Secondo il governo, infatti, sono state fatte ricerche sufficienti ed è importante iniziare rapidamente in modo che le persone non siano costrette a vivere troppo a lungo in tende e container. “Questo deve e può essere fatto rapidamente”, afferma l’architetto Yolcu. “Come ha detto il nostro rispettato presidente, le case saranno pronte entro un anno. Perché la vita deve tornare alla normalità il prima possibile”.

Jamming sul luogo del disastro

A due mesi dal disastro, la vita nel centro di Adiyaman è ancora lontana dalla “normalità”. Le macerie degli edifici crollati sono ancora ovunque. Qua e là un escavatore è impegnato a ripulire. La gente si precipita nei luoghi del disastro. Raccolgono spazzatura, metallo e oggetti da vendere. La maggior parte delle persone vive in tende e container. Alcuni nei campi, altri tra le case danneggiate.

Il tassista Halil è seduto sulla strada. Il suo ufficio taxi è crollato durante il terremoto, ora è stato sostituito da un container. Ha appena ripreso a lavorare. Ma il dolore è ancora fresco, ha perso diversi membri della sua famiglia ed è arrabbiato con il governo. “Lo stato è venuto qui solo per aiutare il quinto giorno”, dice. “Abbiamo tirato fuori mio zio dalle macerie solo l’ottavo giorno. Non è stato possibile riconoscerlo”.

READ  Coronavirus, in Germania 962 morti in più in 24 ore. Madrid blindata fino al 6 gennaio. Accordo Francia-Regno Unito: i primi camion attraversano la Manica

Non solo Halil ha perso la sua casa, ma è scomparsa anche la sua fiducia nel governo di Erdogan. “Abbiamo votato per lui qui per vent’anni. Io stesso mi sono offerto volontario per l’AKP. Ma non hanno fatto niente per questa città. Ci hanno deluso”.

Non ha una buona parola per il piano d’azione di Erdogan per le nuove case. Vede in loro pure promesse elettorali. “Dicono tra un anno. Credimi, non possono farlo”, disse risoluto. “Non possono nemmeno ripulire tutte le macerie qui in un anno.”

L'”ufficio” temporaneo del tassista Halil

Un edificio è in fase di ristrutturazione sulla strada principale e sulla facciata sono state appese una grande foto del presidente Erdogan e il logo dell’AKP. È il quartier generale della squadra elettorale della sezione locale del partito di Erdogan.

Adiyaman è normalmente una città con un alto sostegno all’AKP. Nei primi giorni dopo il disastro, i soccorsi qui hanno tardato ad arrivare ed Erdogan si è scusato pubblicamente per questo alla fine di febbraio. Ha chiesto perdono agli abitanti.

Secondo Mehmet, che vive in una tendopoli con tutta la sua famiglia, ora le cose vanno molto meglio. “Naturalmente ci sono state difficoltà nella prima fase. Ma ora lo stato è lì per noi. Abbiamo tutto ciò di cui abbiamo bisogno. Siamo grati”.

Il venditore di sigarette Ahmet è più scettico. “Politica, elezioni”, sospira. “È un mondo pieno di bugie.”

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *