Euro 2020, Spagna nel caos dopo la positività di Busquets | Nuovo

La Svezia chiede agli iberici di rispettare la quarantena di dieci giorni, ma la partita tra le due nazionali è fissata tra una settimana. Nel frattempo sale la polemica sulla mancanza di vaccino per i calciatori

Sarà una settimana piuttosto movimentata che accompagnerà il Spagna verso gli inizi ufficiali a Euro 2020. Dopo positività al Covid-19 di Sergio Busquetsinfatti, la selezione guidata da Luis Enrique è precipitata nel caos: il Svezia, contro il quale è prevista la prima partita per il 14 giugno, chiede agli iberici di rispettare la 10 giorni di quarantena, mentre in casa la polemica è finita mancanza di vaccinazioni per i giocatori coinvolti nella competizione.

Busquets è tornato al Barcellona, ​​ma nel ritiro della Roja c’è preoccupazione: il capitano ha infatti trascorso tutta la settimana con i compagni e ha giocato un’ora di amichevole contro il Portogallo, prima del test positivo. La squadra è attualmente in isolamento a Las Rozas, il comune alla periferia di Madrid, sede della Federcalcio spagnola, e attende con ansia i tamponi nei prossimi giorni. In Svezia chiedono agli spagnoli di porre fine alla quarantena di 10 giorni per evitare possibili contagi, ma la partita non è in programma fino alle 7. Intanto, per l’amichevole in programma martedì contro la Lituania, la squadra degli under 21 è stata frettolosamente richiamata. . , già in vacanza dopo l’eliminazione della categoria europea.

In Spagna, intanto, polemica sui vaccini: il ministero della Salute aveva infatti vaccinazione rifiutata ai calciatori convocati per Euro 2020 nonostante le richieste della Federazione, ma sta effettuando iniezioni per tutti gli atleti olimpici, calciatori compresi. Questo ha causato molta irritazione tra i dirigenti del calcio spagnolo e la vicenda Busquets rischia di creare un vero e proprio scontro tra la RFEF e il governo.

READ  "La Samp sta andando davvero forte"

A tutto questo si aggiunge il fatto che Luis Enrique ha deciso di chiamare solo 24 giocatori invece dei 26 concessi in deroga dalla UEFA, per non doverne lasciare tre in tribuna per ogni partita. Il tecnico potrà sostituire Busquets, ma non potrà allargare la rosa a 26 come le altre selezioni, avendo già presentato la lista. Insomma, la strada per l’inizio del torneo è attualmente piuttosto in salita.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *