Evenepoel incoronato campione del mondo di ciclismo | ADESSO

Remco Evenepoel si è incoronato campione del mondo di ciclismo in modo sublime domenica a Wollongong, in Australia. Il 22enne belga si è mostrato in una classe tutta sua e ha trionfato da solo, avendo sferrato il primo di una serie di attacchi a 70 chilometri dalla fine.

L’argento nel percorso di 266,9 chilometri è stato preda del francese Christophe Laporte. L’australiano Michael Matthews ha vinto il bronzo.

A 2,21 minuti da Evenepoel, sono stati i più veloci nello sprint di un folto gruppo, che aveva raggiunto un gruppo di cui facevano parte Pascal Eenkhoorn poco prima del traguardo. L’olandese non poteva correre per una medaglia. Il primo connazionale è stato Bauke Mollema al 25° posto.

È successo all’ombra dell’impressionante vincitore Evenepoel. All’inizio di quest’anno, il belga ha già vinto Liegi-Bastogne-Liegi e la Clásica San Sebastián. Per finire, due settimane fa i migliori talenti hanno vinto la Vuelta a España. Evenepoel era già arrivato terzo nella cronometro individuale ai Campionati del mondo di ciclismo.

È il primo campione del mondo su strada belga da Philippe Gilbert nel 2012. L’ultimo uomo a diventare campione del mondo su strada nello stesso anno e a vincere un Grand Tour è stato Greg LeMond nel 1989.

Il leader olandese Mathieu van der Poel ha dato presto dopo essere stato arrestato il giorno prima della partita dopo un incidente nel suo hotel.

I preferiti vengono visualizzati in anticipo

Il gruppo è partito intorno alle 2:30 (ora olandese) a Helensburgh (vicino a Sydney). Ha iniziato a piovere quasi subito dopo la partenza.

Sul monte Keira, la salita più dura della gara dopo circa 30 chilometri, il francese ha provocato una rottura nel gruppo con una certa velocità. Mollema, Wout Poels, Wout van Aert, Tadej Pogacar, tra gli altri, erano nella prima parte, ma grazie al lavoro della Germania ci fu presto un raggruppamento.

A questo punto si era già formato un grande gruppo di leader che avrebbe anche aperto la strada quando il circuito locale di Wollongong si sarebbe sviluppato. Lì, i corridori hanno dovuto completare dodici giri di circa 17 chilometri.

Dopo diverse fusioni, il gruppo in fuga sarà composto da sedici corridori, tra cui il francese Pavel Sivakov, il belga Pieter Serry e l’australiano locale Ben O’Connor. Si sono diretti verso un vantaggio di circa otto minuti. I Paesi Bassi, che non erano rappresentati, hanno deciso di aumentare il ritmo del gruppo dopo alcuni giri.

A questo punto, la squadra aveva già perso il suo leader Van der Poel. Il vincitore del Giro delle Fiandre è stato arrestato il giorno prima della gara su strada dopo essere andato al suo hotel per parlare con i bambini che gli disturbavano il sonno.

Remco Evenepoel ha messo tutti su per più di due minuti.


Remco Evenepoel ha messo tutti su per più di due minuti.

Remco Evenepoel ha messo tutti su per più di due minuti.

Foto: Getty Images

Evenepoel non aspetta e fa la differenza lui stesso

Come spesso accade con le gare su strada ai Campionati del Mondo, la corsa è andata avanti per ore una volta formato il gruppo di testa. Il vantaggio dei leader si stava leggermente riducendo ad ogni giro, ma non è successo molto per molto tempo.

READ  La situazione finanziaria del PSV è notevolmente migliorata con un prestito di 30 milioni

Fino a quando Evenepoel non riuscì più a contenersi. Il vincitore della Vuelta a España ha spezzato il gruppo in due con pochi attacchi. Pogacar, Van Aert, Mollema e il campione in carica Julian Alaphilippe sono rimasti sorpresi e hanno perso la battaglia.

L’aggressivo gruppo Evenepoel ha inghiottito le prime fughe, lasciando ben 25 piloti in testa a tre giri dalla fine. Eenkhoorn è stato l’unico a difendere l’onore olandese e anche il vincitore del Giro d’Italia Jai ​​Hindley e Romain Bardet erano in testa.

Evenepoel non si è tirato indietro e ha cercato di sfoltire il gruppo di testa con le marce. Il belga è riuscito nella sua missione, perché a 35 chilometri dal traguardo solo Alexey Loutsenko poteva seguirlo. Il kazako è durato 10 chilometri, ma non è riuscito nemmeno a tenere il volante di Evenepoel.

Il favorito non si è fermato, quindi è diventato presto chiaro che gli altri piloti dovevano competere per l’argento e il bronzo. Lorenzo Rota, Mauro Schmid e Mattias Jensen hanno staccato sull’ultima salita Eenkhoorn, che si è riconnesso nell’ultimo chilometro. Ciò valeva anche per un gruppo numeroso, in cui Laporte si dimostrò il più veloce nella battaglia per il denaro.

Pascal Eenkhoorn è da tempo nella corsa alle medaglie.


Pascal Eenkhoorn è da tempo nella corsa alle medaglie.

Pascal Eenkhoorn è da tempo nella corsa alle medaglie.

Foto: Getty Images

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.