Ex soldati colombiani confessano di aver ucciso dei civili

Ex soldati colombiani confessano di aver ucciso dei civili

In Colombia, ex soldati hanno confessato di aver ucciso più di 100 civili nel 2007 e nel 2008. I civili sono stati rapiti e uccisi, poi presentati come membri di gruppi di guerriglia di sinistra.

Dieci ex militari, tra cui un generale, sono intervenuti a un’udienza di un tribunale speciale nella città di Ocaña, nell’area in cui sono avvenute le uccisioni. Sono noti come omicidi “falsi positivi”, il che significa che le vittime innocenti sono state ritratte come guerriglieri. Il tribunale è stato creato nell’ambito dell’accordo di pace del 2016 tra il movimento ribelle FARC e il governo.

“Riconosco e accetto la mia responsabilità come coautore di questi crimini di guerra”, ha detto uno dei soldati, Nestor Gutierrez. “Abbiamo ucciso persone innocenti. Voglio sottolineare che coloro che abbiamo ucciso erano normali civili”. Dice che la pressione dall’alto ha avuto un ruolo negli eventi. Di conseguenza, secondo la corte, sono morti più di 6.000 civili.

‘Purificare il nostro cognome’

I parenti delle vittime invocano da anni l’innocenza dei loro cari. “Vi chiedo di cancellare i nostri cognomi. Erano lavoratori rurali, non guerriglieri e teppisti, in quanto stigmatizzati”, scrive durante l’udienza il compagno di una delle vittime. Al Jazeera

Le alternative alle pene detentive possono essere offerte attraverso il tribunale, se gli autori collaborano con le autorità e confessano un reato. Un giudice del tribunale ha affermato prima della confessione che “dopo anni di silenzio e paura” l’ora della verità “è finalmente arrivata”. Un ex generale colombiano è stato condannato l’anno scorso per il suo coinvolgimento in 104 simili omicidi “falsi positivi”.

READ  La Scozia sarà il primo Paese a garantire assorbenti igienici gratuiti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *