F1 GP Austria Hamilton: “La Red Bull è avanti di 2 decimi”. Verstappen: “La Mercedes più vicina”

Lotta di parole tra i due rivali. Gli inglesi: “Piccoli passi avanti, ma hanno 2 decimi di vantaggio”; l’olandese: “Mercedes è veloce con le morbide, sarà dura”

La lotta tra loro riparte dalle prime prove libere del GP di F1 austriaco, con Max Verstappen in testa al mattino e Lewis Hamilton il più veloce nel pomeriggio: il duello continua, anche a parole, con l’inglese della Mercedes che sa essere subdolo anche nelle dichiarazioni.

quei decimi…

Lewis Hamilton dopo il miglior tempo del pomeriggio getta acqua sul fuoco dell’entusiasmo: “Certamente hanno qualcosa in tasca, ma oggi abbiamo fatto progressi – ha detto Lewis – I nostri sono piccoli passi avanti, ma credo che abbiano due decimi di più, forse uno e mezzo e quindi i nostri progressi non bastano”.

trovato la strada

Poi l’inglese analizza meglio la giornata: “Nel giro di boa mi sento bene, ma mi aspetto che utilizzino meglio il motore e la loro mappatura, un po’ come abbiamo fatto in passato. – ha detto Lewis -. Dovremo lavorare sodo, con il fresco che sta andando, nella prima sessione ho provato alcune regolazioni che non mi sono piaciute, ma nel pomeriggio siamo partiti su una strada migliore e sono contento: lui no. C’è solo qualcosa da adattare, non da rovesciare troppo”.

verstappen e il morbido…

Anche Max Verstappen sembra essere pre-tattico: “Non abbiamo avuto FP2 perfette, ma mi sentivo bene in macchina e non ci sono problemi reali – ha detto l’olandese – la Mercedes però sembra piuttosto veloce. con la gomma morbida quindi dobbiamo solo assicurarci di avere un po’ più di ritmo su quella mescola perché sembriamo più forti con la media e nei lunghi che è la cosa più importante per la gara. la pista è diventata un po’ scivolosa, ma abbiamo avuto una buona lettura di passo su passo: penso che sarà un weekend serrato perché sembra che la Mercedes sia un po’ migliorata, ma la cosa più importante sarà gestire bene le gengive più tenere in gara”.

READ  Barcellona e nuovo presidente Laporta: tra scandali e bilanci, il peggior ritorno al passato | Prima pagina

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *