“Facendo un passo indietro ora, Putin e l’intero regime diventeranno completamente incredibili”

“Facendo un passo indietro ora, Putin e l’intero regime diventeranno completamente incredibili”

Internazionale14 lug ’23 07:10Autore: Bram van Eijndhoven

Il presidente russo Putin ha risposto ai piani della NATO dell’Ucraina. Con l’ingresso dell’Ucraina nell’alleanza militare, il mondo diventerebbe “molto più vulnerabile” e la sicurezza dell’Ucraina migliorerebbe leggermente, secondo Putin.

Il presidente russo Putin ha risposto ai piani della NATO dell'Ucraina.  Con l'adesione dell'Ucraina, il mondo diventerebbe
Il presidente russo Putin ha risposto ai piani della NATO dell’Ucraina. Con l’adesione dell’Ucraina, il mondo diventerebbe “molto più vulnerabile” e, secondo Putin, la sicurezza dell’Ucraina non migliorerebbe molto con l’adesione. (ANP/Zuma Press)

Le dichiarazioni del presidente russo sono tutt’altro che sorprendenti, perché impedire all’Ucraina di entrare a far parte della Nato è stata una delle ragioni da lui addotte per giustificare l’“operazione militare speciale” in Ucraina. Putin quindi non accetterà per il momento l’ingresso dell’Ucraina nell’alleanza militare. “Ciò che è iniziato a livello nazionale come una ‘operazione militare speciale’ è stato ora presentato per mesi dal Cremlino come una guerra a tutto campo contro la NATO e l’Occidente”, ha detto il corrispondente russo Joost Bosman. “Fai un passo indietro ora, Putin e l’intero regime diventeranno completamente incredibili”.

Leggi anche | “I russi stanno affrontando un grosso problema di leadership”

Inoltre, secondo Putin, l’adesione alla NATO dell’Ucraina porterà a “ulteriori tensioni internazionali”. “Potrebbe essere necessario pensare alle armi nucleari che sono state piazzate in Bielorussia”, dice Bosman. Secondo lui, Putin potrebbe anche compiere maggiori sforzi per militarizzare ulteriormente Kaliningrad, l’enclave russa tra Polonia e Lituania, o piazzare più armi al confine con Svezia e Finlandia.

Critico

Nel frattempo, le cose continuano a rimbombare al comando dell’esercito russo. Giovedì è stato annunciato che il generale Ivan Popov era stato licenziato dopo aver criticato l’andamento della guerra. Secondo Bosman, è in corso un’epurazione ai vertici dell’esercito e il Cremlino sta controllando il personale degli ufficiali per vedere quanto siano fedeli al regime. “I media occidentali hanno riferito ieri che dieci ufficiali di alto rango sono stati arrestati e circa 15 licenziati”.

READ  Servizi segreti svedesi: il PKK finanzia il terrorismo dalla Svezia | All'estero

Leggi anche | Il sostegno occidentale all’Ucraina è una cattiva notizia per il Cremlino

I disordini non sembrano ancora causare un grande cambiamento nell’opinione pubblica. “Finché la propaganda continua sulla televisione di stato, potrebbe volerci molto tempo”, ha detto Bosman. Secondo il corrispondente, i russi credono davvero che in Ucraina sia in corso una guerra contro la NATO e l’Occidente. “Poi quando le cose vanno male dicono: non abbiamo scelta, dobbiamo solo continuare a lottare”. Questa è più o meno l’idea che ha il russo medio.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *