Famosa attrice iraniana arrestata per aver espresso sostegno ai manifestanti |  All’estero

Famosa attrice iraniana arrestata per aver espresso sostegno ai manifestanti | All’estero

Sabato le autorità iraniane hanno arrestato Taraneh Alidoosti, una delle attrici più famose del paese. Secondo i media statali, è sospettata di diffondere falsità sulle proteste a livello nazionale contro il regime iraniano.

La scorsa settimana, Alidoosti, noto per il film vincitore dell’Oscar, ha postato Venditore, un post su Instagram che esprime sostegno al primo uomo giustiziato per aver partecipato alle proteste in Iran. Mohsen Shekari, come viene chiamato l’uomo, è stato condannato a morte il 9 dicembre.

“Qualsiasi organizzazione internazionale che vede questo spargimento di sangue e non intraprende alcuna azione è una vergogna per l’umanità”, ha scritto Alidoosti su Instagram in risposta all’esecuzione di Shekari. Secondo i media statali, l’attrice è stata ora arrestata perché non poteva fornire informazioni a sostegno delle sue affermazioni.

Inoltre, Alidoosti ha recentemente pubblicato una foto su Instagram in cui non indossava l’hijab. È stata fotografata con in mano un pezzo di carta con la scritta “Donna, vita, libertà”, uno slogan utilizzato nelle proteste contro il regime. Il suo profilo Instagram è ora scomparso, ma il post aveva, secondo il quotidiano britannico Il guardiano oltre un milione di like.

L’Iran è instabile da mesi. Tutto è iniziato quando Mahsa Amini, 22 anni, è stata arrestata dalla polizia religiosa il 16 settembre. Non avrebbe indossato correttamente il suo hijab. Amini è morta poco dopo il suo arresto.

Almeno 495 persone sono state uccise durante le proteste, secondo Human Rights Activists in Iran, un gruppo che ha seguito le proteste dall’inizio. Più di 18.200 persone sono state arrestate. Anche diversi manifestanti sono stati condannati a morte.

READ  L'autobomba di Mogadiscio ne uccide almeno 75 ORA

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *