Fantasia di uomini sporchi?  La peggior scena di sesso di sempre?  In ogni caso, non ci sarà una seconda serie di ‘The Idol’, specifica Abel Tesfaye (The Weeknd)

Fantasia di uomini sporchi? La peggior scena di sesso di sempre? In ogni caso, non ci sarà una seconda serie di ‘The Idol’, specifica Abel Tesfaye (The Weeknd)

“Sapevamo che stavamo facendo qualcosa di oscuro e controverso”. Con queste parole, Abel Tesfaye (The Weeknd) risponde alle aspre critiche di ‘The Idol’ in cui recita con Lily Rose Depp. La serie è come un video musicale lascivo sui lati più oscuri dell’industria musicale.

Inizialmente era previsto così: L’idolo . Una serie su HBO Max sull’altro lato della fama, con protagonista la bellissima Lily Rose Depp mentre sale al vertice come idolo degli adolescenti dopo la depressione e il cantante estremamente popolare Abel Tesfaye, precedentemente noto come il nome di The Weeknd, come partner oscuro. Tesfaye ha ideato e co-scritto la serie con il creatore acclamato dalla critica Euforia , Sam Levinson. Cos’altro potrebbe andare storto, potresti pensare?

Molto, come si è scoperto quando sono arrivate le recensioni internazionali. “The Weeknd non sa suonare”, ha scritto. varietà senza ringraziamenti. ‘Una sordido nuovo punto basso Il telegrafo la serie. Lo spettacolo, che secondo gli ideatori sarebbe provocatorio, prodotto secondo la rivista maschile QG “la peggior scena di sesso della storia”.

ego

Lo scorso aprile ha iniziato a rimbombare tutt’intorno L’idolo quando la regista Amy Seimetz se n’è andata. rivista pietra rotolante ha rivelato che Tesfaye sentiva che sotto Seimetz “l’obiettivo femminista” sarebbe diventato troppo dominante.

Anche le cose dell’ego avrebbero avuto un ruolo importante con il cantante di The Weeknd. Riguardava troppo il ruolo di Depp e non abbastanza il suo ruolo: il proprietario di un club tossico Tedros. Internet era troppo piccolo. Uno spettacolo che doveva criticare un mondo in cui le donne sono oggetti usa e getta per volgari capi dell’intrattenimento è diventato esattamente questo: “la fantasia di un uomo sporco”, hanno scritto i critici.

READ  La coppia Steenrijk fa una sessione di respiro del misero bilancio familiare: '80 euro'

Il sesso e il potere sono davvero un grande tema della serie. Mancano i genitali, ma i seni di Lily Rose Depp sono in quasi tutte le scene, anche quando indossa dei vestiti. Non per niente i dati di ascolto, nonostante tutte queste spietate critiche, al momento non sono così deludenti. L’episodio di apertura è persino riuscito ad attirare più spettatori di quello acclamato dalla critica in una settimana. Euforia . Gli abiti trasparenti sembrano un po’ sopra le righe, ma a quanto pare funziona.

Immagine spiritosa della celebrità nel 2023

Dopo tutte queste dure recensioni, la serie non può che essere migliore del previsto. E lei lo fa. Dalla prima scena, il personaggio principale Jocelyn ricorda la Britney Spears di oggi. Dopo la morte della madre e il conseguente collasso mentale, si ritrova seminuda su un set, mentre chi la circonda ora sa che in rete è trapelata una sua esplicita foto di sesso.

La reazione a questo dipinge un’immagine spiritosa della fama nel 2023. Soprattutto quando è stato ordinato di girare in modo che Jocelyn sia la prossima “fottuta icona femminista”.

Ma questa satira riguarda meno il rapporto violento con il proprietario del nightclub e leader del culto musicale Tedros. Al primo appuntamento, la afferra per la gola e dice che le insegnerà a cantare (“come se stesse facendo sesso”). Tuttavia, ciò che segue non è molto buono. Una canzone piena di falsi sussulti che lo spettatore deve credere che Jocelyn sia sulla buona strada per il suo “vero sé musicale”.

Ma la fama di una pop star errante in un crollo mentale, il modo in cui viene sfruttata da persone che affermano di avere a cuore i suoi migliori interessi e la solitudine che la spinge tra le braccia della persona sbagliata sono accattivanti.

READ  Gli ex suoceri Van Soelen dopo aver visto il documentario Hazes: "André, vieni a prendere un caffè con noi?"

Ma il passo per rendere questa spiacevole relazione davvero interessante per lo spettatore non è imminente. E quando Tedros inizia a picchiare la popstar con la stessa spazzola che sua madre usava per “spingerla”, i critici che usano il termine “torture porn” sono del tutto comprensibili.

Sensazione di sporcizia e vuoto

“Sapevamo che stavamo facendo qualcosa di oscuro e controverso”, ha detto Tesfaye delle recensioni. Ma la serie è principalmente un video musicale lascivo che ti fa sentire sporco e vuoto. Trasmette i lati più oscuri di un’industria musicale che ruota attorno al sesso e al denaro.

I critici non devono temere una seconda stagione. Non accadrà, ha ora annunciato Tesfaye dopo le aspre critiche.

L’idolo, su HBO Max

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *