Federcalcio russa furiosa con la UEFA: “La decisione disonora lo sport”

La Federazione Russa di Calcio (RFU) è furiosa con la UEFA per aver spostato la finale di Champions League da San Pietroburgo a Parigi a causa dell’invasione russa dell’Ucraina. La RFU ritiene che lo sport e la politica debbano essere tenuti separati.

Oltre a vincere la battaglia finale con un pallone da miliardi di dollari, i club russi possono anche intervenire nei duelli europei solo in campo neutro. “La decisione si basa su ragioni politiche”, ha affermato in una nota il presidente della RFU Alexander Dyukov. “La RFU usa sempre il principio che lo sport resta fuori dalla politica, quindi non possiamo sostenere questa decisione”.

Il fatto che i club russi non possano più giocare le partite casalinghe in ambito europeo fino a nuovo avviso va anche contro il mal di gamba della RFU. “Questa decisione danneggia lo sport e colpisce gli interessi di giocatori, allenatori e tifosi”, ha detto Dyukov. “Siamo sempre pronti a dimostrare di essere in grado di soddisfare tutti i requisiti per organizzare le competizioni in tutta sicurezza”.

La Russia ha ancora in programma di giocare la partita contro la Polonia negli spareggi della Coppa del Mondo in casa. I polacchi hanno già indicato che non hanno intenzione di andarci Russia viaggiare.

lettore video

Guarda i migliori video di calcio qui

Altri video

READ  Milan-Torino, bollettini CM: Tatarusanu eroe per una notte, che partita per Kalulu. Calhanoglu ancora decisivo | Pagina iniziale

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *