Ferito nei disordini in Svezia durante la visita di un politico di estrema destra

Ferito nei disordini in Svezia durante la visita di un politico di estrema destra

La visita di un politico di estrema destra in Svezia si è trasformata in rivolte in cui almeno otto persone sono rimaste ferite. I contromanifestanti si sono scontrati con la polizia.

Da diversi giorni si agita in Svezia nei luoghi dove viene ad esprimersi lo svedese-danese Rasmus Paludan. Il leader del partito di estrema destra Stram Kurs (Harde Lijn) viaggia per il Paese, provocando regolarmente bruciando i Corani.

A Örebro, 200 chilometri a ovest di Stoccolma, i disordini sono iniziati prima dell’arrivo di Paludan. Almeno quattro furgoni della polizia sono stati dati alle fiamme e quattro persone sono rimaste gravemente ferite. Tra le vittime c’è un civile che è stato colpito alla testa con un sasso.

La polizia ha sparato colpi di avvertimento e ha schierato la polizia antisommossa per disperdere i manifestanti.

disturbi

All’inizio della giornata, un incontro in un sobborgo di Stoccolma era già diventato violento. Durante una visita di Paludan a Linköping giovedì, tre agenti sono rimasti feriti nei disordini. A Jönköping parlare era reso impossibile dal suono delle campane delle chiese.

Paludan ha fondato Stram Kurs nel 2017 per lottare per una rigida politica anti-islamica. Sebbene noto per le sue azioni provocatorie, il partito non è riuscito a superare la soglia elettorale del 2% nelle elezioni parlamentari del 2019.

READ  vicino anche in Francia e Austria

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *