Filippine alle urne: Ferdinand ‘Bongbong’ il grande favorito di Marcos

Filippine alle urne: Ferdinand ‘Bongbong’ il grande favorito di Marcos

C’erano abbastanza soldi per pagare le sue campagne. Gran parte della fortuna che la famiglia Marcos aveva saccheggiato insieme non fu mai recuperata. Son Bongbong è diventato deputato nel 1992, poi governatore e senatore nel 2010. Nel 2016 si è candidato alla carica di vicepresidente; nelle Filippine è eletto indipendentemente dal presidente.

Imelda ha stretto un’alleanza con l’allora candidato alla presidenza Duterte nella speranza che Bongbong diventasse vicepresidente sulla scia della sua popolarità. Duterte ha vinto la sua gara, ma Bongbong ha sorprendentemente perso contro l’attivista per i diritti umani Leni Robredo.

Quella non era una ragione per cui la famiglia Marcos si arrendesse. Il focus era sulle elezioni presidenziali del 2022. Ed è stata creata una rete online per riscrivere la sanguinosa storia del dittatore Marcos tramite i social media.

Secondo la piattaforma multimediale The Rappler del premio Nobel Maria Ressa, i video o i post di Facebook e Twitter vengono utilizzati per ritrarre meglio questa era “negando la cleptocrazia e le violazioni dei diritti umani, esagerando i risultati di Marcos e diffamando i media, i rivali e i critici”.

Collegamenti con Duterte

I legami con la famiglia Duterte rimasero intatti. Perché quando Bongbong si candidò alla presidenza, Sarah Duterte divenne sua compagno di corsa per la vicepresidenza. Una combinazione vincente, perché proprio come suo padre, Sarah Duterte è estremamente popolare nelle Filippine.

Con lei al suo fianco, Bongbong sembra imbattibile. Sono spesso sostenuti da giovani filippini che non hanno mai sperimentato la dittatura. Marcos otterrebbe il 56% dei voti secondo gli ultimi sondaggi, davanti al suo rivale più vicino di decine di punti percentuali.

READ  Medjugorje, Notre-Dame: "Questo è il messaggio più importante .."

Se Ferdinand Marcos Jr. diventasse davvero presidente, ciò potrebbe avere importanti implicazioni per affrontare il trauma che le Filippine hanno subito negli ultimi decenni. Bongbong può intentare cause per abuso e furto di fondi durante la presidenza di suo padre. Può anche fermare le indagini sulla guerra omicida alla droga dell’attuale presidente e suo padre compagno di corsa

Imelda guarda da lontano. A causa della corona, sta lontana dalla folla all’età di 92 anni. Ma riesce ancora in background. “È sempre molto, molto coinvolta in tutto ciò che facciamo”, ha detto Bongbong in un’intervista alla CNN Filippine. Il ritorno che ha guidato sembra arrivare, rendendo la storia migliore di quanto non fosse. Perché, dice Imelda in The Kingmaker, “La percezione è reale. E la verità non lo è”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *