Finale per infortunio Jahanbakhsh, Paixão e AS Roma

Finale per infortunio Jahanbakhsh, Paixão e AS Roma

Dopo la partita vinta contro l’RKC Waalwijk, Arne Slot ha dichiarato di non essere soddisfatto del gioco in generale. Di fronte alla telecamera ESPN racconta al tecnico della decisione di tenere in panchina Alireza Jahanbakhsh e della prossima partita contro la Roma.

”Nell’intervallo hanno sentito che l’allenatore non era molto contento del primo quarto d’ora”, risponde Slot alle dichiarazioni critiche di Gernot Trauner e Quilindschy Hartman. “Soprattutto perché pensavo che l’RKC Waalwijk fosse in grado di attraversare il centrocampo più volte di troppo. Questo valeva anche per i primi quindici-venti minuti del secondo tempo. Solo quando è diventato 4-0 hai visto come voglio Guardalo.

Jahanbakhsh
L’allenatore del Feyenoord è molto contento della partita di Igor Paixão, anche perché gli è stato detto solo all’ultimo minuto che sarebbe partito titolare. “Ovviamente è molto bello per la squadra che un giocatore perso che ha fatto tre assist nelle ultime settimane possa essere accolto con favore. Per un momento su un cross ha alzato la gamba abbastanza in alto. Ha esitato un attimo e ha detto: “Penso che sia possibile, allenatore”. Ma ho subito risposto: “Se è così, non credo sia sufficiente”. Speriamo che Ali sia pronto per giovedì e che Igor abbia almeno giocato una grande partita.

AS Roma
Con l’avvicinarsi della finale della Conference League dello scorso anno, Slot ha spesso commentato che Jose Mourinho era un allenatore molto difficile. Il portoghese, però, non è ancora assillato dai pensieri di Slot: ”Potrebbe esserlo un po’ di più nei prossimi giorni. Ovviamente abbiamo avuto un programma molto intenso nelle ultime settimane, con una partita molto importante contro l’Ajax, che purtroppo abbiamo perso. Quindi è importante anche quanto segue, RKC è ancora in grado di rendere molto difficile l’aratura. Ora ci concentreremo sulla Roma. Marino Pusic ci sta lavorando da tempo, lo sta analizzando. Non inizierò a lavorare sodo su questo fino a domani.

READ  Tadej Pogacar è il corridore migliore e più completo di questo millennio

A causa del finale c’è una sensazione di rivincita sui romani, ma non è decisiva nella preparazione. “Sì, forse con me e anche alcuni ragazzi che erano lì. Dev’essere un po’ strano se devi sfogare sentimenti extra per un quarto di finale in Europa per essere più fanatico. Quindi ci avviciniamo a questo gioco come qualsiasi altro. Mentirei se dicessi che ripenso con emozione alla finale di Conference League, quindi sappiamo quanto sia incredibilmente difficile battere l’AS Roma. L’anno scorso avevamo un’ottima squadra, ora è quasi completamente nuova, ma abbiamo di nuovo un’ottima squadra. Vedremo come sarà il confronto quando giocheremo in casa e in trasferta”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *