Fonseca: “La Roma vuole dimostrare di essere una grande squadra e domani vuole vincere. C’è armonia, siamo fiduciosi. Smalling è pronto per la prossima partita in Europa”. VIDEO!

Paulo fonseca ha risposto alle domande dei giornalisti in conferenza stampa, alla vigilia del match di campionato in programma domani sera alle 20:45 a San Siro contro i padroni di casa del Milano. Come di solito, Vocegiallorossa.it ha proposto il testo diretto con le parole dell’allenatore portoghese.

Milan-Roma è anche Ibra-Dzeko. Quali caratteristiche hanno?
“Sono due giocatori fondamentali, ma non voglio confrontarli perché non lavoro con Ibra tutti i giorni. Posso dire che Dzeko è molto importante per la nostra squadra, giocano nella stessa posizione e hanno caratteristiche simili. , ma ho solo bisogno di sapere che Dzeko è forte, motivato e sta facendo bene. Sarà importante “.

Per il Milan è una rassegna scudetto: la Roma è inferiore?
“Il Milan è in buona forma, il tecnico sta facendo un ottimo lavoro, ma anche noi stiamo facendo bene, siamo motivati, la squadra è fiduciosa. Sarà una partita tecnicamente interessante, vorranno entrambi vincere. La Roma lo vuole dimostrare “è una grande squadra e vuole vincere”.

Cosa ne pensate della possibilità di playoff e playout?
“Penso che le squadre facciano un ottimo lavoro di responsabilità, puoi finire il campionato così. Sono preoccupato, è un momento complicato per tutti, ma dobbiamo andare avanti con responsabilità”.

Mirante giocherà domani? Confermata alternanza con Pau Lopez?
“Sì, quindi decido partita per partita”.

Il fatturato di Sul in Europa
“Abbiamo vinto. Abbiamo fatto riposare giocatori importanti per il Milan e quelli che giocano meno, il che è importante per noi. Non volevo far vedere altro. Vogliamo che giochino tutti”.

Qual è il segreto di Ibra?
“Non lo so, non ci lavoro tutti i giorni, sicuramente è un grande professionista ad avere quei livelli a 39 anni. Non giochiamo contro di lui, ma contro il Milan. Conosciamo il valore di la loro squadra, Ibrahimovic è forte ma in settimana abbiamo lavorato per affrontare il Milan, non lui “.

READ  "Spero che questo ti faccia muovere come con me"

Qualcuno manderà la punizione oltre Pellegrini?
“Dopo l’allenamento facciamo sempre questo tipo di esercizio con 4-5 giocatori. Pellegrini è secondo me il più forte in questo momento, ma abbiamo anche Veretout, Cristante, Mkhitaryan”.

Sulle scelte tattiche in difesa
“Abbiamo difensori centrali più veloci degli altri, ma dipende dalle caratteristiche degli avversari. Al momento la squadra è pronta per giocare sia in 3 che in 4 molto alti, ma anche a giocare a pochi metri di distanza”.

Sai chi giocherà nel modo giusto?
“Ho deciso, poi ogni tanto scelgo chi sta meglio”.

Sulla scelta di far riposare Ibanez in Europa: conosceva già la positività di Mancini?
“Ho deciso di lasciarlo riposare, non era questo il motivo”.

La squadra sente l’armonia del club?
“La squadra ha una sua identità, siamo felici e motivati. Gli ultimi risultati sono positivi, dimostrano che siamo tutti motivati ​​e che c’è armonia”.

Quanto tempo manca per vedere il bilancio del campionato?
“Penso che le favorite siano Inter e Juventus, e poi ci sono altre squadre che possono fare bene. Quello che succede nei primi giorni è una dimostrazione dell’equilibrio del campionato. Non lo è. facile vincere, è sempre complicato sia contro il vecchio che contro l’ultimo.

Come sta Smalling?
“Sta bene, ma domani non giocherà ancora. Può tornare nella prossima partita di Euoropa League”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *