Francia, perde il lavoro e torna dai genitori: il padre lo rinchiude in soffitta per mesi

Un uomo di settant’anni è sospettato di aver rapito suo figlio di 39 anni da una soffitta ed è stato privato di cibo per diversi mesi in un piccolo villaggio dell’Alto Reno, in Francia. Arrestato per aver tenuto in ostaggio il figlio per almeno “quattro mesi”, l’uomo sarà portato davanti al giudice.

Il caso è scoppiato mercoledì sera, quando i gendarmi sono stati chiamati per un resoconto delle violenze: una donna ha riferito che suo marito era stato ucciso a colpi di arma da fuoco dal figlio a Malmerspach, un paese di circa 500 anime, a una trentina di chilometri da Mulhouse. , nell’est della Francia.

Il 39enne, che ha ammesso di aver picchiato il padre, è stato portato al pronto soccorso di Mulhouse per controllare le sue condizioni di salute. Lungo la strada, tuttavia, l’uomo ha detto di non sentirsi molto bene e di non aver mangiato abbastanza negli ultimi tempi. In ospedale, il suo stato di estrema magrezza, che evocava “immagini di prigionieri nei campi”, ha scioccato i medici: viso infossato, costole sporgenti. Quando è stato interrogato, ha spiegato che è tornato a casa dei suoi genitori circa un anno fa dopo aver perso il lavoro. Il padre, giudicando che il figlio non facesse nulla per tirare avanti, aveva quindi deciso di rinchiuderlo in soffitta, vietandogli di scendere a mangiare.

Spinto dalla fame, ha detto che ha cercato di sgattaiolare fuori dalla soffitta di notte per mangiare gli avanzi. Ma suo padre, che lo aveva notato, lo aveva bloccato. Esausto, il 39enne ha finito per picchiare suo padre. Interrogati dagli agenti, i vicini hanno detto di non aver nemmeno notato il ritorno del figlio.

READ  Usa, i generali in relazione. Biden vuole riparare le lacrime di Trump

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *