Calha, ti amo Rino, devi prenderti cura di te stesso

Mi sono sempre piaciute le persone che vivono intensamente ea Natale possiamo anche dirci, possiamo anche abusare di un po ‘di poesia. Le persone che hanno un grande dibattito interiore sono quelle che tengono tutto dentro. Hakan Calhanoglu è un ragazzo così. L’hanno tolto dal posto per due anni perché devi fare il 4-3-3, lui lavora allo stesso modo e corre molto, non sempre riesce a essere continuo, i tifosi lo criticano, ma piuttosto che per alzare la voce per le sue esigenze, tiene in primo piano quelle della squadra e tace. Ti voglio bene Calha, perché questo pomeriggio di Milan-Bodoe Glimt eravamo tutti un po ‘terrorizzati di giocare senza Zlatan, senza Rebic e senza Leao contro questi giovani norvegesi che somigliavano a Lippe. Ma ci hai pensato con due gol e un assist e ci hai pensato senza dircelo e senza lasciarci appesantire. Lo hai appena fatto. Come quella volta in campo a Rio Ave. Uscire dall’Europa League in quel modo e quel tempo potrebbe rompere l’incantesimo della stagione e non potresti essere uno spettatore. Non sei per natura uno spettatore, sei un bravo ragazzo al servizio dello spettacolo che è un’altra cosa. Ecco perché, nella regione portoghese, non hai lasciato andare lì i ragazzi, né Daniel, né Rafa, né Lorenzo. Sei andato lì e hai determinato la gravità dell’uscita in apnea. Ti amo Calha, perché quando Rade ha sbagliato con il Celtic hai preso palla e segnato subito e non ti sei tifato, ma sei andato a consolare il tuo compagno di squadra. Ti amo Calha perché ricordo perfettamente che la tua faccia soffriva in campo quando Schone ha segnato a inizio ottobre 2019 ed eravamo in zona retrocessione prima del ritorno. Ti voglio bene Calha, perché contro la Lazio puoi battere anche due calci d’angolo bassi, ma quando calcia, come sai, i tuoi compagni fanno gol. Non solo gol, ma doppiette, poi Natale, gioia. Conosco e immagino tutto ciò che tieni dentro, ma ad oggi, qualunque cosa accada, non dovresti avere alcun tipo di zona grigia emotiva. Sei Hakan Calhanoglu, un bravo ragazzo, un sorriso che dice tutto di te, sei un uomo, un grande giocatore, indossi un numero 10 che fa per te. So molto bene per quanto tempo vuoi restare e penso che sia giusto che rimani. Poi ci penserà l’azienda, tu ci penserai tu. Non hai bisogno di glitter per essere un uomo d’onore, dicono in un grande film. Questa è Calha, non serve una firma per essere un milanese. È appena.

READ  La UEFA apre le indagini su Stella Rossa-Milan | Europa League

Oggi è Santo Stefano, il giorno del nome del nostro allenatore. Auguri. Di affetto, stima, gratitudine. Pioli è un uomo di buoni valori, un padre, un professionista serio. E da persona intelligente, sa benissimo che Milanello lo ha adottato. E sarà così per sempre. Quando entri nel cuore di Milanello, non lo lasci mai. Per questo a Santo Stefano non aggiungo le mie lodi ai tanti, leali e frenetici che si rivolgono al tecnico rossonero. Quello che “fa” i giochi, che li controlla a distanza, che li vive senza sosta. Ma oggi è Santo Stefano, uh martire, un testimone. La la! Le nostre preghiere vanno anche a lui, per l’occhio di Rino, un altro figlio di Milanello. Non c’è milanista degno di essere definito tale che non soffra di vederlo in panchina in questo momento. L’occhio di Gattuso si è chiuso per la prima volta in campo, a San Siro, con la nostra maglia. Milan-Lazio a settembre 2011. Quegli occhi piangevano, gioivano, lottavano per i nostri colori. Li voglio, li vogliamo, aperti per sempre. Ci penserà anche Francesca da lassù per tenere gli occhi aperti di suo fratello. Che l’ha amata e protetta intensamente e fino alla fine, senza fermarsi. Rino Gattuso può essere ovunque, ma una parte di lui è e sarà sempre qui con noi. Il sogno di Natale è proprio questo: che guarisce da solo e che guarisce. Il prima possibile. Potere.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *