Genitori britannici condannati all’ergastolo per il “crudele omicidio” della piccola Finley

Genitori britannici condannati all’ergastolo per il “crudele omicidio” della piccola Finley

Lo ha concluso oggi il giudice al termine di un teso caso giudiziario in cui la piccola Finley era al centro. Il ragazzo del Derbyshire, in Inghilterra, è morto il giorno di Natale del 2020 dopo “abusi brutali e prolungati con motivazione sadica”.

I paramedici si sono precipitati quel giorno nella casa “disordinata e sporca” di Finley e dei suoi genitori, scrivono i media inglesi presenti in aula. I genitori avrebbero chiamato il numero di emergenza perché il ragazzo aveva subito un arresto cardiaco. Finley è stata portata in ospedale ma è morta poco dopo.

57 ossa rotte, 71 contusioni

È stata aperta un’importante inchiesta sulla morte del bambino, poiché i medici hanno rapidamente concluso che il ragazzo aveva 57 fratture ossee – tra cui il bacino, entrambe le gambe e il braccio destro – subite tra il 4 dicembre e il 22 dicembre. Inoltre, aveva 71 lividi e due ustioni sulla mano sinistra. Uno causato da una “superficie calda e piatta”, l’altro molto probabilmente da una sigaretta.

A causa delle numerose ossa rotte, Finley contrasse infezioni tra cui polmonite e sepsi, che alla fine si rivelarono fatali. La cannabis è stata trovata anche nel suo sangue, il che dimostra che deve averla inalata entro 24 ore dalla sua morte.

Il giudice ha concluso che l’angoscia è stata causata da entrambi i genitori: “Nessuno ha sentito Finley piangere o urlare di dolore perché gli avete inflitto le ferite insieme, dove uno di voi si è rotto le ossa e l’altro lo ha tenuto fermo con la mano davanti a lui. la sua bocca.”

La sorveglianza sabotata

Finley era appena stato restituito ai suoi genitori. Dopo la nascita del ragazzo, è stato posto sotto la supervisione di altri membri della famiglia poiché c’erano già grandi preoccupazioni sul fatto che i genitori Stephen e Shannon potessero prendersi cura di Finley. 39 giorni prima della morte di Finley, un tribunale della famiglia ha stabilito che i genitori avevano riacquistato la piena autorità genitoriale.

READ  Criminale evaso e lavoratore carcerario statunitense hanno avuto una "relazione speciale"

Questo doveva essere accompagnato da visite domiciliari da parte degli operatori sanitari. Ma non è successo, poiché Stephen e Shannon hanno fatto tutto il possibile per tenere i professionisti lontani dal bambino. Ad esempio, hanno annullato un appuntamento con un operatore sanitario due giorni prima che Finley morisse mentendo sul fatto che il bambino aveva una corona in modo che non potesse aver luogo alcuna visita.

È ancora in corso un’indagine indipendente per determinare se la colpa sia della protezione dei minori.

nessuna emozione

Ad ogni modo, Stephen e Shannon finiscono in prigione per anni. Loro stessi hanno ascoltato il loro verdetto con rassegnazione, scrivono i media inglesi. Mentre il giudice si commuoveva ei membri della giuria piangevano, i genitori rimasero in silenzio e guardarono stoici. Non è ancora chiaro perché abbiano inflitto così tanto danno al bambino.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *