Il primo tweet ponderato dei pazienti affetti da SLA

ROMA – Eravamo abituati alle persone che twittano senza pensare. Adesso, però, c’è chi twitta solo con il pensiero. Questo è successo per la prima volta in Australia, dove Philip O’Keefe, 62 anni con Sclerosi laterale amiotrofica (Sla) è riuscito a mandare il suo primo messaggio social grazie a un dispositivo di otto millimetri impiantato nel cervello, che traduce in modalità wireless l’attività elettrica dei neuroni in parole e comandi sullo schermo di un computer. “Hello, world! Short tweet. Monumental progress” (“Ciao, world! Small tweet. Immense progress”), è il testo del primo tweet inviato da Philip tramite il profilo dell’Amministratore Delegato di Synchron, l’azienda che ha sviluppato l’innovativa interfaccia denominata Stentrode.

“Quando ne ho sentito parlare per la prima volta – racconta Philip – sapevo quanto avrebbe potuto restituirmi l’indipendenza. Il sistema è fantastico, è come imparare ad andare in bicicletta: ci vuole un po’ di pratica, ma quando inizi a guidare diventa naturale. Ora penso solo a dove voglio cliccare sul computer e posso inviare e-mail, gestire il mio account, fare acquisti e ora anche inviare messaggi al mondo tramite Twitter”.

I primi che ha pubblicato il 23 dicembre provengono dal profilo del CEO di Synchron Thomas Oxley, che afferma: “Philip ha twittato sette volte e ha messo diversi like. Questi tweet rappresentano un momento importante per l’industria interfacce impiantabili cervello-computer. Dimostrano la connessione, la speranza e la libertà che danno a persone come Phil che hanno perso gran parte della loro indipendenza funzionale a causa della paralisi. Non vediamo l’ora di far progredire la nostra interfaccia Stentrode nella prima sperimentazione clinica negli Stati Uniti il ​​prossimo anno. “

READ  Notizia e bollettino caso Covid oggi 14 aprile. ABITARE

Il dispositivo funziona come un cervello Bluetooth ed è stato progettato per coloro che hanno perso la capacità di muoversi o parlare a causa di malattie o incidenti. Finora, è stato impiantato sperimentalmente in due pazienti con SLA in Australia. Il primo è stato Graham Felstead, mentre Philip O’Keefe lo ha ricevuto il secondo nell’aprile 2020, quasi 5 anni dopo la diagnosi della malattia. “Fin dal primo giorno, ero ansioso di partecipare a qualsiasi sperimentazione che potesse prolungare la mia vita o trovare una cura”, afferma in un video pubblicato alcuni mesi fa dall’Università di Melbourne.

L’INTERVENTO.

L’intervento per il posizionamento dello stentrodo nel cervello è stato eseguito attraverso un catetere che raggiungeva la corteccia motoria attraverso la vena giugulare, in pratica la stessa procedura mininvasiva utilizzata per intervenire nell’ictus.

“Sono sempre stato consapevole che questo probabilmente sarà di grande aiuto non tanto per me come individuo a breve termine, ma per chi verrà dopo di me. Sono felice di poter aiutare gli altri “, afferma Philip. “Spero di aprire la strada all’utilizzo di Twitter attraverso la riflessione”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *