Gerusalemme, la guardiana dei gatti della moschea di Al-Aqsa muore di Covid

“Dio Onnipotente mi ha onorato di questo ruolo, i gatti mi conoscono bene e sono molto legato a loro”, ha detto Hajj Ghassan Younes, noto anche come Abu Hurairah, in un’intervista di qualche tempo fa.

Il soprannome viene da un compagno del Profeta Muhammad che riteneva fosse importante prendersi cura di gatti e altri animali. C’erano circa 40 felini nel complesso di cui si prendeva cura Younès. Innumerevoli uccelli e per ognuno distribuiva cibo specifico.

Quando Younes non è stato in grado di arrivare di persona a Gerusalemme per la sua “missione”, si è rivolto ad amici locali per chiedere aiuto e durante la pandemia, le guardie del complesso si sono occupate di dar loro da mangiare.

Chi lo conosceva lo ricorda come una persona gentile e amorevole. Ci sono anche numerosi video in rete in cui Younes è stato filmato mentre distribuisce caramelle ai bambini e insegna loro a contare contando i gatti nella moschea.

READ  Ha noleggiato un migliaio di auto di lusso e poi le ha vendute all'estero: una fuga milionaria, il proprietario cercava

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *