Giornalisti turchi sono stati indagati per aver diffuso ‘fake news’ dalla zona del terremoto

Giornalisti turchi sono stati indagati per aver diffuso ‘fake news’ dalla zona del terremoto

Il presidente turco Recep Tayyip Erdogan visita la provincia di Hatay colpita dal terremoto.  ImmagineAFP

Il presidente turco Recep Tayyip Erdogan visita la provincia di Hatay colpita dal terremoto.ImmagineAFP

L’emittente britannica ha parlato con un freelance che ha dovuto presentarsi alla stazione di polizia a causa di una possibile violazione di una legge sulla disinformazione. Dall’ottobre dello scorso anno i giornalisti turchi si trovano ad affrontare una nuova controversa legge. Ciò consente ai giornalisti di essere arrestati per aver condiviso ciò che il governo considera disinformazione.

Secondo il presidente Recep Tayyip Erdogan, una tale legge è necessaria per proteggere la popolazione. Tuttavia, gli osservatori affermano che la libertà di stampa in Turchia è limitata. La violazione della legge può comportare una pena detentiva di tre anni.

Visitando l’area del disastro questo mese, Erdogan ha avvertito che coloro che diffondono “notizie false” e “causano il caos sociale” saranno perseguiti. Il freelance Mir Ali Koçer, che afferma di essere stato molto attento nella sua copertura critica del sostegno alle vittime, dice alla BBC di essere stato interrogato dalla polizia per presunta diffusione di notizie false. Il giornalista lavora per vari siti di notizie affiliati all’opposizione.

Reporters Without Borders (RSF), un’organizzazione che lavora per la libertà di stampa, descrive l’indagine su Koçer come “assurda”. Le autorità turche non vogliono rispondere alle domande della BBC. I terremoti in Turchia e Siria hanno ucciso più di 50.000 persone.

Multati i trasmettitori

In precedenza, tre emittenti televisive erano state multate per aver riferito delle carenze del governo turco. I canali Halk TV, Tele 1 e Fox sono stati multati dal regolatore turco dei media RTUK. Inoltre, a Halk TV e Tele 1 è stato vietato di trasmettere alcuni dei loro programmi quotidiani per cinque giorni. I tre canali sono noti per il loro atteggiamento generalmente critico nei confronti di Erdogan. Halk TV ha legami con il più grande partito di opposizione, il CHP. Nelle ultime settimane, questo partito ha aspramente criticato gli aiuti d’urgenza e accusa il governo di Erdogan di un controllo insufficiente del rispetto dei regolamenti edilizi, per cui molti edifici non hanno resistito ai terremoti.

Dopo i terremoti, la televisione ha regolarmente criticato gli aiuti di emergenza, che sarebbero iniziati lentamente. I critici hanno ritenuto che il governo turco fosse mal preparato per un simile disastro, nonostante i grandi terremoti verificatisi in precedenza.

Social networks

Anche Twitter è stato bloccato per diverse ore pochi giorni dopo il disastro. Questo blocco è stato rapidamente rimosso dopo molte critiche, poiché Twitter era un importante strumento di comunicazione per i soccorritori. Le vittime intrappolate sotto le macerie hanno anche condiviso la loro posizione tramite Twitter in modo da poter essere salvate.

READ  1.200 migranti soccorsi dalla Guardia Costiera italiana in un'operazione complessa

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *