Argento per Elien Verhulst al World Chefs Competition di Rimini, Italia

Argento per Elien Verhulst al World Chefs Competition di Rimini, Italia

Il Belgio ha vinto l’argento alla Worlds Chefs Competition di Rimini (Italia). Il nostro paese era rappresentato da Elien Verhulst (24) del ristorante Vlass a Middelkerke. C’erano quattro categorie ed Evelien ha preso parte alla competizione ‘Vegan Chef Challenge’ dove è arrivata seconda con il suo commis Thibo Lucas. Il Lussemburgo ha vinto la medaglia d’oro.

Un totale di diciotto paesi europei hanno preso parte alla competizione a Rimini, in Italia. I concorrenti dovevano presentare alla giuria un antipasto e un piatto. I vincitori europei potranno partecipare il prossimo anno a Singapore alla finale del Global Chef Challenge 2024. Lì, 40 squadre si sfideranno in 4 categorie: il Global Chefs Challenge, il Global Pastry Chefs Challenge, il Global Vegan Chefs Challenge e il Global Young Chefs Challenge per diventare i migliori al mondo.

Operazione complessa

Soddisfazione, ma anche un po’ di delusione per Elien Verhulst, chef del ristorante Vlass di Middelkerke. “Avevamo il diritto di scegliere noi stessi il piatto e avevamo 2h30 per preparare due primi e due secondi per una giuria di sei persone. Come antipasto ho presentato un piatto con mazzi di bietole, tomasu e anguria. Per il piatto principale, una frittella di ceci e patate, il tutto composto da sostituti delle uova, maionese di levistico, crocchetta di porri e una pallina di mousse di porri. Questo impanato con latte di soia al posto delle uova fresche. Tutto doveva essere vegano ed era piuttosto complesso”, spiega Elien.

Porzione più grande

Otto paesi hanno gareggiato per il titolo nella categoria “European Vegan Chef Challenge”. Il Belgio è arrivato secondo. “Siamo molto dispiaciuti di non aver vinto. Abbiamo partecipato nella speranza di andare a Singapore nel 2024. Sul feedback, il presidente, lo chef vegano, ci ha detto che il nostro piatto era degno di una stella, ma che un vegano avrebbe non mangiare abbastanza con esso.

READ  moderato oltre confine, pronunciato di destra in Italia

Era troppo poco, un vegano che non mangia pesce e carne si aspetta una porzione maggiore. “È stata la mia prima esperienza e ho anche imparato da essa. Per uno a cui piace lavorare con carne, pesce e buon burro, è stata una bella sfida.

Certe classi sociali più elevate oggi mangiano in modo molto selettivo, vegetariano o vegano, senza glutine né lattosio. È un nuovo modo per differenziarsi socialmente. Un compito difficile per uno chef.

Bella esperienza

“Perché ho scelto questa categoria? In effetti, non avevo scelta. Volevo partecipare alla categoria Global Chefs Challenge, ma a causa del coronavirus, il candidato belga non ha potuto partecipare negli anni precedenti e ora ha avuto la sua possibilità. Non mi piace molto cucinare e non sono nella categoria dei giovani chef, quindi erano rimasti solo i vegani”, afferma lo chef Elien.

“L’ho trovata un’ottima esperienza. Guarda anche cosa mettono sul piatto gli altri Paesi. Ho imparato molto e sono contento della mia medaglia d’argento”.

(PG)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *