Gli inglesi attaccheranno i russi nel “Walhalla dell’oligarca” a Londra

Gli inglesi attaccheranno i russi nel “Walhalla dell’oligarca” a Londra

Il primo ministro britannico Boris Johnson ha detto che combatterà i ricchi russi legati al Cremlino. Gli oligarchi, dice, “non potranno più nascondersi”. Nel frattempo, centinaia di miliardari della cerchia del presidente Vladimir Putin si sono stabiliti nella capitale britannica.

Johnson dice di tempo di notizie che l’acquisto anonimo di immobili sarà limitato da una nuova legge contro i reati economici. Johnson sulle nuove misure: “Questa legge garantisce che abbiamo il potere di annullare accordi e sequestrare proprietà delle persone”. Secondo i calcoli, circa 1,8 miliardi di sterline di investimenti immobiliari russi sono di dubbia origine.

linguaggio aspro

Dopo l’invasione russa dell’Ucraina, la pressione in Europa e negli Stati Uniti sta crescendo su questi alleati chiave di Vladimir Putin. Il problema è: come tratti gli oligarchi che potrebbero aver aiutato Putin a finanziare la guerra?

Il problema è anche che gli oligarchi russi che negli ultimi decenni si sono stabiliti in varie capitali d’Europa e d’America sono strettamente legati alla vita economica, culturale e sportiva di queste città (e paesi). Le loro donazioni finanziarie erano più che benvenute in molte banche, musei o squadre di calcio, le loro borse rigonfie erano tutt’altro che guardate con orrore.

L’America ha annunciato la scorsa settimana la formazione di a task force che, dal ministero della Giustizia, si concentrerà nello specifico sui possibili comportamenti criminali di questi russi iperricchi. E nel Regno Unito, anche il primo ministro Boris Johnson vuole combattere i ricchi russi che hanno legami con il Cremlino. Parole dure, ma la domanda è se porteranno a un cambiamento strutturale.

READ  Assalto di una 22enne a Strasburgo per aver indossato una gonna

Acquista facilmente in modo anonimo

Centinaia di miliardari – gli oligarchi diventati ricchissimi dopo il crollo dell’Unione Sovietica nell’onda d’urto delle privatizzazioni – dei circoli di Putin hanno potuto stabilirsi a Londra senza problemi. Spesso acquistano proprietà tramite società situate, ad esempio, nelle Isole Vergini britanniche, afferma Rachel Davies Teka di Transparency International, un’organizzazione internazionale specializzata nel monitoraggio di flussi di denaro sospetti. “State acquistando una proprietà a Londra a nome della vostra azienda, senza doverci dire chi siete”, spiega Davies Teka. Gli inglesi ora vogliono affrontare questa costruzione.

Il denaro degli oligarchi è nascosto in edifici del valore di diversi milioni di dollari, spesso praticamente inutilizzati. Partecipano poco o per niente alla società. Galleggiano un po’ al di sopra, proprio come galleggiano al di sopra della legge come investitori anonimi. Nel frattempo, le loro transazioni finanziarie sono state accuratamente conservate in istituzioni finanziarie autoctone e protette da avvocati molto costosi.

Londra è una calamita per denaro internazionale e anonimo. Anche russi. Questo è chiaramente visibile a Belgravia, a LondragradLondragrad est ee la contrazione di Londra e Stalingrado. Lo scrittore Mark Hollingsworth ha usato la parola come titolo del suo libro. Questo quartiere ospita gli oligarchi, amici di Putin. Fino ad ora potevano fare quello che volevano, ma questo deve cambiare.

Mark Hollingsworth visita i quartieri amati dagli amici di Putin:

“A ‘Londra’ una casa costa almeno 50 milioni di sterline”

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *