Gli scienziati trovano microplastica nei grandi chicchi di grandine |  Scienza

Gli scienziati trovano microplastica nei grandi chicchi di grandine | Scienza

Gli scienziati sloveni sono i primi al mondo a trovare microplastica nei chicchi di grandine. Secondo i ricercatori, le microplastiche potrebbero anche aver contribuito alla formazione di grandi sfere o di grumi di ghiaccio.

La regione del fiume Kolpa, nel sud-est della Slovenia, è stata colpita da una forte grandinata nel giugno 2019. I chicchi di grandine misuravano fino a 13 centimetri. Gli enormi chicchi di grandine si sono formati a 11 chilometri sopra la superficie terrestre nella troposfera, lo strato più basso dell’atmosfera.

I ricercatori dell’Università di Lubiana, tra gli altri, hanno analizzato i chicchi di grandine. Oltre ai batteri e alle particelle sedimentarie della sabbia del deserto, hanno trovato anche varie microparticelle.

Le microplastiche sono piccoli pezzi di plastica di dimensioni inferiori a 5 millimetri che finiscono nell’ambiente. Ciò dimostra che le particelle fibrose possono viaggiare per migliaia di miglia sopra la superficie terrestre e nella troposfera, secondo lo studio.

“Siamo lieti di essere i primi al mondo a dimostrare che le microplastiche sono presenti nella troposfera. Studi precedenti sono stati condotti a pochi metri dal suolo e nessun risultato è stato pubblicato prima sulla troposfera”, ha affermato il ricercatore Manca Kovač Viršek dell’Istituto sloveno per l’acqua in una conferenza stampa.

I ricercatori non possono dire con certezza che la microplastica sia stato l’unico fattore che ha contribuito alla formazione di chicchi di grandine giganti tre anni fa. Ciò richiede ulteriori ricerche.

READ  "Il Nilo è la nostra vita, ma l'acqua sta finendo"

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *