Gli studenti riferiscono di ammalarsi più spesso a causa dello stress, i medici vogliono più prevenzione

Rob Engeler

Notizie ONS

  • Emma Brink

    Editor di storie NOS

  • Emma Brink

    Editor di storie NOS

L’Associazione dei pediatri è preoccupata per il crescente stress tra gli studenti delle scuole secondarie, a causa del quale i giovani sviluppano disturbi e talvolta si ammalano. Gli psicologi scolastici di NOS Stories hanno anche parlato di vedere più giovani che si ammalano a causa dello stress a scuola. La psicologa scolastica Gezina Topper: “Non riescono a gestire la tensione, la pressione o il programma, spesso in combinazione con altri problemi o preoccupazioni”.

Isabella, 17 anni in 5 anni di formazione pre-universitaria, è una di queste giovani. Si dà malata un giorno alla settimana perché altrimenti non ce la fa. “Mi lamento ogni giorno da stress, mancanza di sonno, mal di testa tutto il giorno e talvolta ho attacchi di panico durante le lezioni”. E lei non è sola.

Secondo Raquel Abrahams, vicepresidente dell’Association of Youth Doctors (AJN), è importante che i disturbi da stress vengano identificati il ​​prima possibile. “Più a lungo aspetti, più è probabile che lo stress, l’ansia e i sentimenti depressivi vadano fuori dai binari.” Di conseguenza, i bambini potrebbero aver bisogno di un aiuto specialistico. “Che spesso non sarebbe stato necessario se l’avessi preso in anticipo, inoltre, ci sono già enormi liste di attesa nelle cure specialistiche”, afferma Abrahams.

READ  L'Iran impone sempre più condanne a morte ai manifestanti anti-regime | All'estero

I giovani sono spesso ancora più stressati quando si arrendono e di conseguenza perdono qualcosa. Isabella sente anche che: “Non è davvero bello, perché vuoi solo partecipare a tutto. Con la scuola, con le lezioni.Inoltre, prova molta frustrazione perché vuole davvero passare l’anno scolastico. “Ma a causa di così tanto stress, non è fattibile per me.”

La prevenzione e l’intervento precoce sono importanti, ma a volte si rivelano difficili nella pratica. C’è carenza di pediatri e un giovane dovrebbe andare da loro se si dichiara spesso malato. Il medico poi discute con il giovane su come può tornare a frequentare la scuola senza ammalarsi. Quindi, se non c’è il pediatra disponibile, questo aiuto manca o arriverà dopo.

Inoltre, la cura di questi alunni da parte dei giovani medici o degli psicologi scolastici non è regolata allo stesso modo in tutti i comuni. “In alcuni comuni non è affatto obbligatorio che un bambino passi dopo un certo numero di volte per dichiararsi malato”. Abrahams di AJN Jeugdartsen sostiene quindi che questo dovrebbe essere organizzato a livello nazionale.

Lo psicologo scolastico Topper pensa che sia particolarmente importante per gli insegnanti avere un buon contatto con gli studenti. “Siamo preoccupati se viene visto da una scuola quando i giovani si danno per malati per la prima volta”. Sarebbe di grande aiuto se un insegnante o un mentore facesse domande sui giovani, pensa. “Può già avere un effetto molto antistress, non è affatto necessario essere uno psicologo”. Ma anche gli insegnanti sono sotto pressione ed è per questo che questo spazio non sempre c’è.

READ  L'ex primo ministro pakistano Khan accusato di crescente lotta per il potere | ADESSO

ILLUMINATO

Isabella del VWO 5, si ammala un giorno alla settimana per lo stress

I giovani stessi non sempre si rendono conto che le loro lamentele sono causate da stress o pressioni. Topper: “Si accorgono: non dormo molto bene, mi preoccupo molto, ho mal di testa o mal di pancia. Ma non sempre sanno che una causa potrebbe benissimo essere che hanno avuto più tensione per un lungo tempo che non possono davvero sopportare.” Secondo lei, sarebbe anche utile insegnare di più ai giovani. “Possa la tua salute fisica e mentale andare di pari passo”.

Ma il problema non è certo solo a livello scolastico o giovanile, secondo pediatri e psicologi scolastici. Abrahams: “Una causa è anche la società dello spettacolo in cui viviamo”. Isabella, 17 anni, lo riconosce. “Sento che ci si aspetta molto da me. Dalla scuola, dai miei genitori e da me stesso.”

Andare a trovare il suo mentore si è ritorto contro: “Mi ha detto di perseverare”. Non ne era contenta: “A volte non funziona perseverare ed è meglio che la gente mi ascolti”. Non ha ancora visto un pediatra o uno psicologo scolastico.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.