Google abiliterà la cronologia delle ricerche per impostazione predefinita per tutti i clienti di Workspace – IT – News

Entro la fine di marzo, Google abiliterà la cronologia delle ricerche per impostazione predefinita per tutti i clienti di Workspace, inclusi gli utenti che hanno disabilitato la funzione. L’azienda desidera separare i dati dell’area di lavoro dagli altri dati raccolti.

Ora gli amministratori possono scegliere a quali utenti è consentito utilizzare “attività web e app”. Se questa opzione è disabilitata per tutti gli utenti, gli utenti non potranno abilitarla da soli. Se gli amministratori stessi non fanno nulla con l’impostazione, gli utenti possono abilitarla o disabilitarla da soli.

“Attività web e app” verrà sostituita con una nuova impostazione della cronologia delle ricerche a partire dal 29 marzo, denominata “Cronologia delle ricerche di Google Workspace, informa Google. L’azienda prevede di migrare i clienti di Workspaces e abiliterà la nuova opzione di tracciamento per impostazione predefinita per tutti gli utenti, anche se “Attività web e app” era stata precedentemente disabilitata. scrive, tra le altre cose, gHacks. Gli utenti possono abilitare e disabilitare la nuova funzionalità da soli e gestire la cronologia delle ricerche.

Secondo Google, l’impostazione “Attività web e app” rimarrà, ma dopo il 29 marzo verrà utilizzata solo per controllare la memorizzazione dei “dati di ricerca da servizi Google aggiuntivi”. Questa impostazione non funzionerà più per i servizi di Workspace come Gmail, Google Drive, Google Docs, Chat o Calendar, poiché sarà sostituita da “Cronologia delle ricerche di Google Workspace”.

READ  Giro d'Italia, 5a tappa: Ganna in fuga | Il diretto

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *