“Grande onore tornare con lo Sporting 17. Mi adatterò bene al progetto”

Dopo quattro anni, Joao mario torna allo Sporting Lisbona, il club in cui è cresciuto nel calcio e si è affermato tra i grandi. È dal club lusitano che l’Inter lo ha acquistato nel 2016 poco dopo l’insediamento di Suning. Un acquisto che non ha mai dato quanto speravamo anche con diversi allenatori in panchina. Il centrocampista nerazzurro, prima ceduto in prestito al West Ham e poi al Lokomotiv Mosca, ora sta letteralmente tornando a casa, dove resterà in prestito per un anno. Queste le prime parole espresse dai microfoni ufficiali del club lusitano: “Le sensazioni sono fantastiche. Ho sempre voluto tornare dove mi sento bene, dove ero felice e dove voglio essere di nuovo felice. È un grande onore per me tornare in questa casa che conosco bene. Sono qui per aiutarti. Penso davvero di essere stato felice qui. Torno anche perché ho uno stretto rapporto con il presidente Frederico Varandas, che mi ha convinto e ha fatto un grande sforzo per prendere questa decisione. Torno in una casa che conosco bene, dove conosco persone e dove voglio trovare il mio miglior calcio. Ho lavorato solo con Seba Coates. Conosco anche Luís Neto, grazie alla nazionale, ovviamente. L’allenatore è diverso e mi piace quello che ho visto. Squadra giovane, allenatore giovane con grandi idee. Non ho dubbi che mi adatterò molto bene perché mi identifico molto con il progetto ”.

Sui giovani, aggiunge: “Lo Sporting CP è sempre stato un club di formazione. Venendo dagli allenamenti è un grande orgoglio vedere così tanti giovani con tanta qualità in prima squadra. Voglio aiutarli perché li ho già ha attraversato la fase di raggiungimento della prima squadra e integrazione “.

READ  GP di Catalogna, Yamaha estasiata in prima fila: pole di Morbidelli | notizia

Su come è cambiato da quando ha lasciato lo Sporting, aggiunge: “Sono più maturo ed esperto. Ho lasciato lo Sporting molto giovane. Ho trascorso quattro anni imparando molto. Ho avuto un processo di apprendimento diverso in altri paesi”.

Joao, che ha scelto la maglia numero 17, spiega: “Continuo a credere che ciò che è buono non si muova. Mi piace molto questo numero. Ho provato ad averlo su altre squadre che rappresentavo, ma non è stato possibile. Il fatto che Sono disponibile per il momento nella squadra dello Sporting CP e sono molto orgoglioso di tornare a indossare il 17 con la maglia dello Sporting CP “.

VIDEO – E ‘ACCADUTO OGGI – 10/06/2002: QUANTO POTEVA RECOBA, IL “CHINO” FA ARRABBIARE LA PIACENZA

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *