Green pass, cosa stanno facendo gli altri paesi? Obbligatorio in Francia, gratuito in Gran Bretagna

Con noi, dal 6 agosto, il Pass verde Green sarà obbligatorio per locali, eventi, musei, cinema e molto altro. Ma come stanno gli altri paesi? Il certificato verde è diventato un vero e proprio lasciapassare per decine e decine di attività, ma anche una spinta in più per vaccinarsi per i cittadini ancora indecisi. Oltre a spostarsi tra i diversi stati dell’Unione Europea, il pass sanitario svolge un ruolo sempre più cruciale nei diversi Paesi per contrastare la diffusione della temuta variante Delta con misure ad hoc.

Green Pass, dove serve? La guida all’uso (ei vantaggi) del certificato verde

Francia

Vaccinazione obbligatoria per il personale sanitario dal prossimo settembre e abbonamento Covid obbligatorio da agosto per bar, ristoranti, centri commerciali, musei, ma anche aerei, treni, autobus a lunga percorrenza e strutture mediche. Sono le misure adottate dal governo francese per accelerare le vaccinazioni e contrastare la diffusione della variante Delta nel Paese. Non è un caso che dopo l’annuncio del presidente Macron lo scorso 12 luglio, in una sola notte quasi un milione di persone Francia preso un appuntamento per avere il vaccino anti-Covid.


UK

In netto contrasto con quanto sta accadendo nel UK. Infatti, il 19 luglio, l’ambito “Giornata della libertà“, con la caduta di quasi tutte le restrizioni anti-CovidLe ascherine non sono più obbligatorie nei luoghi pubblici – ad esempio nei negozi e sui mezzi di trasporto – e sono scomparsi i limiti agli assembramenti, così come l’indicazione del telelavoro. Inoltre, hanno riaperto completamente discoteche, teatri e ristoranti, mentre i pub non si limitano più al servizio al tavolo. Il tutto mentre resta alto il numero dei contagi (ieri 36.000), seppur leggermente inferiore rispetto al boom delle scorse settimane.

READ  Mosca, Navalny in prigione fino al 15 febbraio. "Putin, orco dell'oleodotto, teme la gente in piazza". Manifestazioni il 23 gennaio
video

Spagna

Nel Spagna ci sono chiusure “a macchia di leopardo”. Tuttavia, le diverse regioni, una dopo l’altra, si stanno muovendo nella stessa direzione: ripristino del coprifuoco notturno (dall’una alle sei del mattino), fine settimana blindati e sospensione degli assembramenti. Le Baleari, la Catalogna, la Comunità Valenciana e ora anche la Navarra e la Galizia hanno approvato questo tipo di misure. Il pass verde è obbligatorio per il turismo e, solo in alcune regioni, anche per gli eventi pubblici.

Green Pass obbligatorio, avvocati: “Soluzione prevista dalla Costituzione”

Gli altri paesi

Con la nuova ondata della variante Delta, il Grecia ha deciso di rendere obbligatorio il green pass per bar, ristoranti e siti turistici. E ha istituito un coprifuoco notturno in posti come Mykonos. Poi c’è il caso di Germania, dove non sono previste misure specifiche legate alla tessera sanitaria e dove viene maggiormente coinvolta la sensibilità dei cittadini. Nel Portogallo la certificazione verde viene utilizzata per andare nei ristoranti delle principali regioni del paese, tra cui Lisbona e Porto.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *