ha appena rilasciato una scoreggia di idrogeno

ha appena rilasciato una scoreggia di idrogeno

Le immagini di ‘Oumuamua hanno fatto il giro del mondo nel 2017. Lo stravagante oggetto a forma di sigaro che fluttua nello spazio è stato il primo visitatore noto al di fuori del nostro sistema solare. Ma cos’era?

‘Oumuamua non aveva una coda di polvere o una nuvola nebbiosa di gas attorno a sé come le altre comete. Inoltre, c’era questa strana forma che era a metà strada tra un sigaro e un pancake. La cosa era anche troppo piccola per essere una cometa. Ma la cosa più folle era che ‘Oumuamua si muoveva sempre più velocemente mentre si allontanava dal sole. Ciò ha persino spinto alcuni scienziati ad osare parlare di un’astronave aliena.

scoreggia all’idrogeno
Sfortunatamente, la realtà è molto meno eccitante. La misteriosa deviazione della sua orbita attorno al sole può essere spiegata da un semplice meccanismo comune alle comete ghiacciate: quando si riscaldano dal sole, rilasciano idrogeno gassoso.

Ma se è così normale, perché i ricercatori non ci hanno pensato subito? Ciò che rendeva ‘Oumuamua (hawaiano per scout) così diverso erano le sue dimensioni. La cometa era così piccola che la spinta della scoreggia di idrogeno era sufficiente per alterare leggermente la sua orbita intorno al sole.

Razzi
La maggior parte delle comete sono, infatti, palle di neve sporche, che si avvicinano periodicamente al sole dai confini del nostro sistema solare. Mentre si riscaldano al sole, rilasciano acqua e altre molecole, creando un alone luminoso attorno alla cometa e spesso una coda di gas e polvere. I gas che vengono rilasciati sono una sorta di propellenti che danno una spinta alla cometa, in modo che la traiettoria devii leggermente dalla normale orbita ellittica, che percorrono ad esempio pianeti e asteroidi.

READ  Google Chrome è ora più efficiente in termini di memoria ed energia

Quando fu scoperta ‘Oumuamua, la cometa non aveva né aureola né coda. Sembrava anche troppo piccolo e troppo lontano dal sole per rilasciare molta acqua. Questo ha causato tanta confusione tra gli astronomi. Si chiedevano di cosa fosse fatto l’oggetto e perché si muovesse così velocemente. Era tutto solo un grande iceberg di idrogeno? O solo un grande fiocco di neve arioso spinto dalla luce del sole? O una vela leggera fatta da una civiltà aliena? O solo un’astronave con il proprio carburante?

Cotto per irraggiamento
La ricercatrice Jennifer Bergner di Università di Berkeley pensavo ce ne fosse uno spiegazione molto più semplice dovrebbe essere. Ha chiesto al suo collega Darryl Seligman di farlo Università Cornell verificare insieme l’ipotesi. “Una cometa che passa attraverso il centro del nostro sistema solare è in realtà cotta dai raggi cosmici, che producono idrogeno. Il nostro pensiero era, se ciò accade, può rimanere intrappolata nell’oggetto in modo che possa espellere l’idrogeno mentre entra nel nostro sistema solare e si riscalda?” disse Bergner. “Questo potrebbe produrre una forza sufficiente per spiegare l’accelerazione?

Rappresentazione artistica della cometa a forma di frittella 'Oumuamua
‘Oumuamua si riscalda quando il sole si avvicina ed emette gas idrogeno (foschia bianca). Foto: NASA

E la risposta è si. Sorprendentemente, Bergner ha trovato ricerche sperimentali degli anni ’70, ’80 e ’90 che hanno già dimostrato che il ghiaccio sotto l’influenza dei raggi cosmici può produrre molto idrogeno che rimane intrappolato nel ghiaccio. I raggi cosmici sembravano in grado di penetrare decine di metri di profondità nel ghiaccio, convertendo almeno un quarto dell’acqua in idrogeno gassoso.

Il piccolo ‘Oumuamua
“Con una cometa spessa diversi chilometri, è solo un guscio molto sottile rispetto alla massa dell’oggetto. Il rilascio di idrogeno gassoso sarebbe quindi appena percettibile”, spiega il ricercatore. “Ma poiché ‘Oumuamua era così piccolo, crediamo l’idrogeno ha fornito una forza sufficiente per causare l’accelerazione.”

READ  Le presunte specifiche del processore AMD Ryzen 7000 appaiono online PCGamesN

Si stima che la cometa, di colore leggermente rossastro, abbia una dimensione di 115 x 11 x 19 metri, anche se non è del tutto certo perché era troppo piccola e troppo lontana per essere vista dai telescopi. Pertanto, la sua dimensione è stata determinata in base alla luminosità della cometa. Comunque è poca cosa. Le comete conosciute fino ad oggi hanno tutte un diametro compreso tra almeno 1 chilometro e centinaia di chilometri.

Esattamente come dovrebbe essere
“La cosa fantastica dell’idea di Jenny è che questo è esattamente ciò che dovrebbe accadere con le comete interstellari”, afferma Seligman. “Avevamo tutte queste idee stupide, come gli iceberg all’idrogeno e altre cose folli, e poi questa risulta essere la spiegazione più logica”.

La sua idea spiega anche la mancanza di un alone di polvere, qualcosa che non si era mai visto prima. “Anche se ci fosse polvere nel ghiaccio, non è necessario rilasciarla. Il ghiaccio non è evaporato, le molecole d’acqua sono state semplicemente riorganizzate, dopodiché è stato rilasciato idrogeno gassoso. Quindi la polvere non viene nemmeno fuori”, dice Seligman. “La conclusione principale è che ‘Oumuamua è una cometa normale che ha appena attraversato un processo difficile”, conclude.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *