“Ha bisogno di esami psichiatrici”

AGI – Risorge la tensione tra Turchia e Francia. Presidente turco Recep Tayyip Erdoğan ha affermato che la sua controparte francese, Emmanuel Macron, avrebbe bisogno “rapporti psichiatrici” in seguito alle dichiarazioni del capo dell’Eliseo sul “separatismo” delle comunità islamiche radicali. “Cosa si può dire di un capo di stato che tratta in questo modo milioni di membri di diversi gruppi religiosi: in primo luogo, fare gli esami psichiatrici”, ha detto Erdogan in un discorso televisivo.

L’offerta di Macron di difendere i valori secolari del suo paese contro l’Islam radicale ha fatto infuriare il governo turco, aggiungendosi a un elenco crescente di controversie tra il leader francese ed Erdogan. La Presidenza francese ha definito “inaccettabile” dichiarazioni del presidente della Turchia,

“Le parole del presidente Erdogan sono inaccettabili. L’eccesso e la maleducazione non sono un metodo. Chiediamo a Erdogan di cambiare il corso della sua politica perché pericolosa sotto tutti i punti di vista. Non entriamo in polemiche inutili e non accettiamo insulti ”, ha dichiarato la presidenza, che ha annunciato una richiesta di consultazione con l’ambasciatore francese ad Ankara. “l’assenza di messaggi di cordoglio e il sostegno del presidente turco dopo l’assassinio di Samuel Paty ”, il professore decapitato la scorsa settimana in un attentato islamista nei pressi della sua scuola alla periferia di Parigi.

Prodotti francesi boicottati nel Golfo

L’Elysee Palace sottolinea anche le “dichiarazioni molto offensive di Recep Tayyip Erdogan nei giorni scorsi, in particolare sulla richiesta di boicottaggio dei prodotti francesi ” Un bando al quale hanno aderito associazioni di commercianti in alcuni paesi del Golfo Persico. Lo riporta Anadolu, l’agenzia di stampa turca filogovernativa secondo cui Macron, in un recente discorso, “ha attaccato l’Islam e la comunità musulmana”. In realtà Macron aveva solo indicato la minoranza estremista invitando i musulmani in Francia ad aiutarlo a costruire la coesione nazionale.

READ  Marina Litvinenko: "Consegno Putin alla giustizia per mio marito"

In Kuwait La catena di supermercati Alnaeem ha annunciato che rimuoverà tutti i prodotti francesi dagli scaffali. Iniziative simili sono state prese da altri gruppi di distribuzione su larga scala nella regione, come la Suburb Afternoon Association, la Eqaila Cooperative Society e la Saad Al Abdallah City Cooperative Society, che hanno pubblicato fotografie e video che mostrano magazzinieri che rimuovono i prodotti. negozi transalpini.

In Qatar Anche i canali Alwajba e Almeera si sono uniti al boicottaggio. La Qatar University ha anche annunciato il sospensione della settimana della cultura francese. “Ogni denigrazione o violazione del credo, della santità e dei simboli dell’Islam deve essere assolutamente respinta”, si legge in una nota dell’università, riferendosi alla difesa di Macron delle vignette su Maometto pubblicate da Charlie Hebdo, “Questi insulti minacciano i valori umani e gli elevati principi etici di tutte le società”. Nel frattempo, sui social media circolano hashtag come #boycottfrance e #boycott_French_products.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *