“Ha copiato la tesi” – Corriere.it

Un saluto alla socialdemocrazia tedesca. Come se il crollo delle urne, il vuoto programmatico e l’opacità del suo candidato alla cancelleria, Olaf Scholz, non bastassero, un’altra tessera colpisce l’SPD: sospettato di plagio nella stesura della sua tesi di dottorato, il ministro per le famiglie, Franziska Giffey, si è dimesso, probabilmente il volto più nuovo e promettente del Partito socialdemocratico.

Tuttavia, la carriera di Giffey non è finita qui, dal momento che il ministro si è detto determinato a rimanere un candidato dell’SPD alla funzione di sindaco di Berlino durante le elezioni del 26 settembre, nella stessa data di quelle federali. “Ho accettato la decisione con rispetto e rammaricoHa detto il cancelliere Angela Merkel, che ha ringraziato Giffey “per l’ottima collaborazione all’interno del governo”. Il ruolo delle dimissioni è stato affidato ad interim al ministro della Giustizia, Christine Lambrecht, anche lei socialdemocratica.


L’affare Doktorarbeit è iniziato nel 2019, un anno dopo che Giffey è stato nominato ministro, che si era fatto un nome come sindaco di Neukölln, uno dei quartieri più problematici di Berlino. Il ministro è stato accusato dalla piattaforma online VroniPlag Wiki per aver utilizzato diverse citazioni senza attribuirle nella tesi sul funzionamento dell’Europa, che nel 2010 gli è valsa il dottorato in scienze politiche presso la Libera Università di Berlino.

Due primi controlli interni sono stati risolti con una presa d’atto piena di dubbi: l’università le aveva permesso di mantenere il titolo ma aveva espresso un rimprovero, sollevando sospetti e richieste di dimissioni. Sperando di disinnescare la controversia, Giffey aveva detto che non avrebbe più messo Doktor prima del suo nome. Ma ora stanno per essere rivelati risultati di un terzo controllo: “In questi giorni – dice Giffey – ci sono state nuove discussioni sulla mia tesi. Il governo, il mio partito e l’opinione pubblica hanno diritto alla chiarezza, motivo per cui ho chiesto al Cancelliere di sollevarmi dai miei doveri. Confermo di aver scritto il mio lavoro in buona fede, al meglio delle mie capacità e della mia coscienza, e mi dispiace se ho commesso degli errori ”.

READ  le vittime e l'orgoglio di Monna Lisa- Corriere.it

Il plagio nel lavoro accademico sembra essere il karma della politica tedesca. Per lo stesso motivo, in passato si sono dimessi nel 2011 un ministro della difesa, Karl-Theodor zu Guttenberg, considerato un potenziale delfino della Merkel, e nel 2013 ilMinistro dell’istruzione e molto fedele alla cancelliera Annette Schavan. Un altro deputato della CDU, Frank Steffel, ha avuto la revoca del dottorato nel 2017: non si è dimesso ma ha annunciato il suo ritiro dalla politica alla fine del suo mandato. Nel 2015 VroniPlag Wiki aveva sollevato sospetti anche sull’allora Ministro della Difesa e attuale Presidente della Commissione Europea, Ursula von der Leyen, ma un audit della Facoltà di Medicina dell’Università di Hannover l’aveva assolta, nonostante “evidenti carenze” nell’attribuzione delle citazioni contenute nella sua tesi.

Per l’SPD, quello di Giffey è un altro colpo in vista delle elezioni federali. Tuttavia, la popolarità dell’ex ministro a Berlino è tale da non poter minare la sua ambizione di ottenere la carica di sindaco della capitale della socialdemocrazia, che lo occupa ininterrottamente da vent’anni.

19 maggio 2021 (modificato il 19 maggio 2021 | 22:42)

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *