Haland, Camavinga, Koundé e Trubin al top

Jules Kounde (GettyImages)


Il 2020 ha presentato diversi talenti emergenti in Europa. Ne abbiamo scelti 4, uno per ogni ruolo: Trubin, Koundè, Camavinga e Haaland

Anche quell’anno, il talenti emergenti chi ha rubato la scena Europa e sono destinati a volare nei migliori club. La redazione di serieAnews ne ha scelti 4, uno per ogni ruolo. Tuttavia, ci sono diversi candidati per il futuro che sono rimasti fuori da questo circolo molto ristretto.

Per i pali è stato scelto Anatoliy Trubin, portiere ucraino classe 2001 dello Shakhtar Donetsk. La decisione è stata influenzata dalla sua decisione di fermarsi in Champions League. Interventi che di fatto hanno costretto all’eliminazione l’Inter, inserita nello stesso girone della squadra ucraina.

Il portiere dello Shakhtar ha mostrato un buon repertorio tecnico e vista la giovane età ha ancora margini di miglioramento. Il suo fisico alto 2 metri e la reattività dimostrata lo rendono un candidato a diventare titolare di un club di alto livello già nel breve periodo. Nel frattempo in Ucraina qualche tempo fa si parlava di sé, soprattutto con la disinvoltura con cui si è messo alle spalle un portiere esperto come Pyatov.

Tutte le notizie su UN CAMPIONATO e non solo: CLICCA QUI!

talenti emergenti europa
Erling Haaland (GettyImages)

Talenti europei emergenti: Koundé e Camavinga stanno già facendo impazzire i grandi nomi; Valutazione della precocità di Haaland

Nonostante il blocco forzato di tre mesi a causa della pandemia, il 2020 ha presentato diverse prospettive da tenere in grande considerazione. Oltre ad Anatoliy Trubin, abbiamo scelto altri tre nomi da seguire. UNA Talento emergenti ri’Europa per qualsiasi altro settore del dominio.

READ  Le accuse contro Jacob Blake cadono. 29enne paralizzato non è più ammanettato al letto d'ospedale

In difesa la scelta è caduta sul francese Jules Koundé, centrale 1998 del Siviglia. Il calciatore è arrivato in Andalusia un anno fa dal Bordeaux con cui aveva giocato in Ligue 1. La cifra pagata a Monchi per lui (circa 25 milioni tra partite fisse e variabili) sembrava una scommessa.

L’ex direttore sportivo della Roma, infatti, ci ha visti bene. Dopo un primo periodo di adattamento, Koundé prende il suo posto al fianco di Diego Carlos, offrendo spettacoli di grande spessore. La sua fiducia sta crescendo e quest’estate Pep Guardiola ha cercato di portarlo al City. Tuttavia, l’accordo non si è concretizzato poiché il Siviglia ha rifiutato l’offerta di 55 milioni ricevuta per Koundé, che ha una clausola più alta (80 milioni). Tuttavia, il difensore francese potrebbe fare il grande passo la prossima estate.

Un altro giovane talento emergente che avanza a velocità supersonica è Eduardo Camavinga, un centrocampista nato nel 2002 a Rennes. Anche lui è francese e anche lui si è già trovato nel mirino dei grandi club europei.

Il talentuoso giocatore rossonero ha attirato l’attenzione del Real Madrid che lo avrebbe portato volentieri al “Valdebebas”. Il ragazzo ha preferito concedersi un’altra stagione con i francesi con i quali avrebbe potuto trovare continuità. La prima parte del percorso gli ha regalato tre partite con la nazionale maggiore della Francia con la quale ha segnato anche il suo primo gol contro l’Ucraina.

Il Rennes sta cercando di rinnovare il contratto che scade nel giugno 2022. Un’operazione difficile che lo avvicina all’addio. Dalla Francia, però, non vogliono arrendersi e approfittando di questi giorni di ferie, hanno chinato il capo per portare a termine l’operazione.

READ  Indagine del NYT: lobbisti nei complessi dell'impero Trump in cambio di favori

LEGGI ANCHE >>> Haaland spinge via la Juventus, ma oggi nessuno può comprarlo

Tuttavia, il 2020 è stato prima di tutto l’anno di Erling Haaland, che dopo essersi fatto un nome in Champions League con la maglia del Salisburgo lo scorso gennaio, si è trasferito al Borussia Dortmund per 20 milioni di euro. Una spesa in aumento per provvigioni dovute a Mino Raiola, l’agente che ha ottenuto la procura.

Per i tedeschi, è ancora molto da quando otterranno una succosa plusvalenza dalla sua vendita. L’attaccante norvegese sta cavalcando un incredibile goal medio e in Champions League è diventato rapidamente il giocatore più giovane a raggiungere i 14 gol. Gli ci sono volute solo 11 partite. Nessuno come lui.

Sono ancora tante le difese che tra qualche anno cadranno sotto i folli colpi del gigante norvegese.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *