I ciliati causano mortalità di massa sulle barriere coralline caraibiche

I ciliati causano mortalità di massa sulle barriere coralline caraibiche

I ciliati causano mortalità di massa sulle barriere coralline caraibiche

WAGENINGEN – La morte in massa dei ricci di mare nel Mar dei Caraibi è dovuta agli animali ciliari. Lo hanno scoperto i ricercatori, tra gli altri, della Van Hall Larenstein University of Applied Sciences e della Wageningen University.

Da una mortalità di massa negli anni ’80, il riccio di mare si era estinto in molte barriere coralline caraibiche. Poiché loro, essendo uno dei principali pascolatori, non si nutrono più di alghe, i coralli sono diventati troppo cresciuti e i giovani coralli non sono più riusciti a stabilirsi. La causa della misteriosa morte di massa non è mai stata trovata.

Nel 2022 si è verificata un’altra mortalità di massa tra le stesse specie di ricci di mare. La mortalità è stata osservata per la prima volta a gennaio nelle Isole Vergini americane. Da allora, la mortalità si è diffusa rapidamente e ampiamente, percorrendo più di 1.300 km da nord a sud e 2.500 km da est a ovest in soli quattro mesi.

Le popolazioni di ricci di mare infetti si ammalarono rapidamente e in poche settimane il 99% di una popolazione morì. I ricercatori della Van Hall Larenstein University of Applied Sciences che conducono ricerche su XXX a Saba, tra gli altri luoghi, hanno avviato una collaborazione internazionale per monitorare la diffusione della mortalità nei Caraibi.

Inoltre, ricci di mare malati e sani sono stati raccolti da molte isole diverse, portando infine alla scoperta che i ciliati sono responsabili della morte di massa.

Questa scoperta è stata appena pubblicata in Gli scienziati progrediscono e rappresenta un primo passo importante nella previsione e possibilmente nella prevenzione di questi tipi di focolai in futuro. Questo è essenziale in quanto le attività di pascolo di questi ricci di mare sono cruciali per la conservazione delle barriere coralline dei Caraibi.

READ  Sony lancia cinque ricevitori HDMI 2.1 negli Stati Uniti - Immagine e suono - Notizie

Colpevole

I sintomi della malattia nei ricci di mare Diadema malati durante la moria del 2022 erano molto simili a quelli osservati durante la moria negli anni ’80: mancanza di controllo delle zampe tubolari, lenta risposta della colonna vertebrale seguita da perdita della colonna vertebrale e necrosi. dell’epidermide sono stati osservati in laboratorio e ricci di mare selvatici. Le popolazioni colpite sono morte in poche settimane, con alcune popolazioni che hanno raggiunto un tasso di mortalità del 99%.

Un team internazionale di ricercatori, tra cui ricercatori della Van Hall Larenstein University of Applied Sciences e della Wageningen University, ha ora stabilito che un animale ciliare è responsabile della mortalità di massa.

Ciò è stato scoperto confrontando il materiale genetico di ricci di mare sani e malati con tutti i tipi di potenziali agenti patogeni. L’animale ciliare (Philaster) era presente in tutti i ricci malati e assente nei ricci sani degli altri siti.

L’agente patogeno è stato successivamente isolato in Florida e i ricci di mare sani esposti ad esso in laboratorio hanno presto mostrato gli stessi sintomi descritti sopra. Successivamente, le ciglia sono state trovate nei ricci di mare malati, il che dimostra chiaramente che le ciglia sono il principale agente patogeno.

Approcci al recupero

Mentre alcune popolazioni di ricci di mare sono rimaste intatte e possono fornire larve alle aree a valle, negli ultimi dieci anni sono stati sviluppati diversi approcci di recupero e alcuni di questi sono maturi per l’applicazione su larga scala.

Ad esempio, gli scienziati Saba hanno coltivato, allevato e reintrodotto con successo i ricci di mare. Ciò consente ai ricci di mare di riprendere il loro ruolo importante sulla barriera corallina – tenendo sotto controllo le alghe – e dà al corallo la possibilità di insediarsi e crescere di nuovo.

READ  Allenamento ufficiale della Coppa Italia Inter Juventus

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *